Grignasco

GRIGNASCO – Media Valsesia (Novara) 322 m.s.l.m

Informazioni Geografiche: superficie: 14 kmq – Frazioni e Località:

Frazioni/Borghi di Grignasco: Ara, Falesia di Ara, Bertolotto, Cà Marietta, Carola, Casa Negri, Garodino, Isella, Mollia D’Arrigo, Pianaccia, Sagliaschi, San Rocco, Sella, Torchio, Bovagliano, Nos Gros, Bertasacco, Regione Pissone, Cascina Sasso Bianco, Cascina Barbonaiga

Corsi d’acqua: Fiume Sesia, Torrente Roccia, Torrente Strona, Torrente Mologna, Torrente Magiaiga

Grignasco confina con i seguenti Comuni:


GRIGNASCO – MEDIA VALSESIA


Informazioni utili per il turista:


SCOPRI DI PIÙ SUL TERRITORIO DELLA VALSESIA

Fai click sul banner sottostante per scoprire alcune delle meraviglie che puoi trovare in Valsesia ↓

Scopri le meraviglie della Valsesia


IL TERRITORIO

Sentieri principali: Puoi consultare la lista completa dei sentieri dal sito ufficiale del “CAI” Sezione di VaralloCaivarallo.itsentieri nella zona del comune di Grignasco oppure visita la pagina ufficiale del sito comune.grignasco.no.it> Itinerari: Escursioni – Passeggiate

⛰ RILIEVI, COLLI E MONTI:

  • Colle Orlaccio – (416m)
  • Motto della Capretta – (680m) – al confine con Boca
  • Sasso Bianco – (708m)
  • Croce del Teso – (712m) – al confine con Boca/Valduggia
  • Punta Ceresola – (713m)
  • Punta Bucciolini – (787m) – al confine con Valduggia
  • Monte Lovagone – (857m)
  • Monte Fenera – (899m) – al confine con Valduggia

STORIA DI GRIGNASCO

Da Italiapedia: «Il toponimo è attestato nei documenti del 999 con “Grighaschus” e poi “Grignascus”. Esso deriverebbe, tramite il suffisso -ASCUS, dal nome personale romano Crinius. Si tratta, quindi, di un prediale che allude alla proprietà fondiaria di Crinius. Il ritrovamento nella zona di una necropoli contenente urne cinerarie testimonia la sua origine antica; fu oggetto, insieme ad altre terre limitrofe, di una donazione fatta da Ottone III alla chiesa di Vercelli. Nell’XI secolo fu soggetta alla giurisdizione dei marchesi di Romagnano: da quel momento il feudo seguì le sorti del vicino centro fino all’avvento dei Visconti, che nel XIV secolo si insediarono nella zona. Nel 1588 venne concessa ai Serbelloni. Interessante da vedere è la parrocchiale dedicata a Santa Maria Assunta, a pianta esagonale, in stile barocco, che conserva una pregevole tela, raffigurante la Vergine Assunta, posta come pala sull’altare maggiore in pietra. Nel corso dell’Ottocento fu oggetto di numerose modifiche. Degna di nota è poi la chiesa della Madonna delle Grazie, risalente al 1489, dotata di un’ampia abside tardo-romanica e abbellita all’interno con due cicli di affreschi.»


PERSONAGGI ILLUSTRI:

  • COSTANTINO PERAZZI – (1832-1896), originario di Grignasco, nacque a Novara il 25 settembre 1832, da Ambrogio, ragioniere e segretario del comune di Grignasco, e Francesca Bianchi. Da wikipedia: «Completati gli studi di ingegneria mineraria, si recò a Parigi per la specializzazione all’Ecole des Mines dove conobbe Quintino Sella, successivamente entrò nel Corpo Reale delle Miniere Sarde.
    Nel 1862 fu chiamato da Sella, allora Ministro dei Lavori pubblici, per un compito di primaria importanza per il nuovo stato nato dall’unità: la fabbricazione delle carte valori italiane. Per svolgere il difficile compito si trasferì per oltre un anno a Londra. L’ottimo lavoro svolto gli fece guadagnare il cavalierato. Chiamato da Sella passò dal ministero Agricoltura, Industria e Commercio a quello delle Finanze, di cui divenne Segretario generale dal 1872 al 1873. Politicamente schierato con il Sella, prima divenne deputato della Valsesia, poi Consigliere di Stato e in seguito dal 1884, Senatore del Regno. Fu strenuo sostenitore della necessità di imporre la tassa sul macinato. Ricoprì molte cariche contemporaneamente; infatti per molti anni fu consigliere alla Corte dei conti e del Consiglio di Stato e vicepresidente del Consiglio delle miniere dal 1883. A seguito delle dimissioni di Agostino Magliani ne prese il posto come Ministro del tesoro nel 1888 nel Governo Crispi I; nel 1889 fu nominato ministro dei Lavori Pubblici nel Governo di Rudinì II. Alpinista appassionato e compagno di Sella nelle escursioni nel gruppo del monte Rosa, fu tra i fondatori del Club Alpino Italiano fondato nel 1863 a Torino. Morì il 28 ottobre 1896 a Roma.» A lui è dedicata la Punta Perazzi nel massiccio del Monte Rosa.
  • PINET TURLO – (1871-1950), Giuseppe Turlo era nato il 1 settembre 1871 a Grignasco e a Grignasco morì il 2 aprile 1951. La nascita di Pinet, come è familiarmente conosciuto, passò quasi inosservata: il padre Angelo era stato emigrante in Francia e nel 1849 aveva partecipato alla sfortunata difesa della Repubblica Romana, Pinet, nominandolo nelle sue poesie, lo definì: “il mio legionario romano”, la madre Clara Zanolini, dopo la nascita di Pinet, ebbe un altro figlio, ed il primogenito fu affidato alle cure dello zio Giacomo, un uomo molto religioso, che gli inculcò idee fideistiche e la venerazione per San Giulio d’Orta. Dopo la terza elementare Pinet entrò a bottega dallo zio ciabattino, come è descritto nella poesia Santa Marta 1882. Da autodidatta, le sue letture furono quelle dei giovani della sua generazione: Carducci, Pascoli, gli storici ed i cantori del recente passato risorgimentale, Dante e gli altri classici, e poi gli autori russi e francesi, che nelle loro opere introducevano tematiche sociali di forte intensità: Tolstoj, Victor Hugo, Emile Zola. Queste ultime letture influenzeranno il poeta nelle sue opinioni politiche, indirizzandolo verso le tesi del socialismo, sempre coniugate con un convinto amor di patria. L’intelligenza, la curiosità, l’arguzia e la passione per la poesia, contribuirono a costruire un uomo che assorbì gli ideali del suo tempo, ma restò con i piedi ben piantati a terra, si costruì una famiglia, che per tutta la vita mantenne con il mestiere di calzolaio: dalla moglie Paolina ebbe tre figli, Victor Ugo, Giuseppina e Lina. Leggi di più in questo articolo dedicato → Quaderno di poesia dialettale Valsesiana Pinet Turlo
  • FRANCO FIZZOTTI – (1925-2000), nato a Grignasco, fu allievo di Benvenuto Disertori nell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano dove consegui il diploma e successivamente divenne assistente alla scuola di Anatomia Artistica. Ha sperimentato tutte le tecniche di incisione dell’incisione su legno e metallo, prediligendo l’acquaforte e trattando temi pittoreschi suggeritegli dalle manifestazioni della natura. Nel 1952, presso la mostra delle Accademie di Brera, vinse il premio dell’incisione.
  • ADA NEGRI – (1926-2015), è nata il 7 giugno 1926 a Grignasco in una famiglia contadina, e a quattordici anni, come quasi tutte le sue coetanee, entra come operaia in filatura. Nel periodo bellico partecipa alla lotta partigiana conciliando il lavoro in fabbrica e le cure alla sorella Franca. Dal 1945 inizia a partecipare a varie mostre collettive, dapprima come ceramista, poi con disegni e pastelli ottenendo i primi incoraggiamenti. Nel 1956 inizia a frequentare la “Scuola libera del Nudo” della Accademia di Brera, diretta da Aldo Salvadori, e perfezionò il suo stile. Nel 1966 lasciò la Filatura e si dedicò maggiormente al disegno e alla pittura, partecipando così più assiduamente a Mostre, sia personali che collettive, ottenendo notevoli riconoscimenti della critica e vincendo vari premi. Leggi di più in questo articolo dedicato → Ghemme: Prima mostra personale di Ada Negri
  • GIULIO CESARE VINZIO – (1881-1940)
  • DINO DAMIANI – Nato a Grignasco, dove ancor oggi lavora e risiede, a soli 15anni, come d’uso ai tempi, “entra in bottega” da un artigiano mobiliere locale e vi rimane per quattro anni. Contemporaneamente frequenta la scuola d’arte Varallese (la storica Scuola Barolo), dapprima sotto la guida dello scultore Arturo Farinoni, poi del Maestro Lino Tosi. Oggi gira per l’Italia, tra mostre e concorsi, proponendo le sue opere spesso in legno. Profilo Facebook → Su EventiValsesia, scopri gli articoli dedicati all’artista
  • PIETRO PESARE – classe 1945, un tarantino di nascita ma novarese di adozione, ha svolto molteplici attività di volontariato sia in ambito piemontese che nazionale, in particolare alla cultura e sensibilizzazione per la donazione di organi a scopo terapeutico, ha dato vita al suo ultimo concreto contributo: la realizzazione di una tensostruttura per la Casa Circondariale di Novara dedita alle attività ludico-sportive dei detenuti.
    È stato anche Presidente della Compagnia teatrale dell’Olmo di Grignasco per molti anni e dell’AIDO provinciale per oltre 25 anni. Poeta, che nel corso della sua attività ha pubblicato diversi libri a scopo benefico. Pietro Pesare da tempo risiede nel Comune di Grignasco.
  • GIANCARLO LOMBARDI – (1937-2017), è stato un ingegnere, imprenditore e politico italiano. Divenne uno dei più importanti dell’azienda di faglia, la “Filatura di Grignasco” fino a essere nominato presidente nel 1985. Nel 1971 e nel 1977, acquistando due aziende minori, divenne uno degli industriali più importanti nel settore della filatura pettinata laniera.
  • MARCELLA BALCONI – (1919-1999), nel 1964 è stata eletta Sindaco del Comune di Grignasco.
  • RICCARDO RIVAROLI
  • RENATO LOMBARDI – (1906-1982), è stato un imprenditore Italiano. Industriale nel settore laniero è stato amministratore delegato del Lanificio Bozzalla Lesna e filatura di Grignasco. È stato presidente di Confindustria per un mandato dal 1970 al 1974.


ECONOMIA

INDUSTRIA, ARTIGIANATO E COMMERCIO


Grignasco
è una importante cittadina agricola-industriale situata nella parte inferiore della valle del fiume Sesia, al confine con Borgosesia, Serravalle Sesia e Prato Sesia.
Gode di un ottimo clima ad influenza mediterranea, con vasti boschi termofili favoriti dalla presenza di un’importante barriera montuosa rappresentata dal Massiccio del Monte Fenera e dai colli vitivinicoli dell’alto Novarese.
Proprio il Monte Fenera con il suo Parco Naturale e le sue Grotte della località Ara, che hanno ospitato l’uomo di Neanderthal, rappresentano interessanti attrazioni turistiche.
Una lunga serie di sentieri, ben segnalti e ben curati, salgono da Grignasco verso la frazione Ara, verso varie località del Monte Fenera, ma soprattutto verso la frazione Isella e da qua, attraverso una fascia collinare di transizione tra il caldo clima padano e quello freddo montano, si inoltrano nella vicina vallata dello Strona di Valduggia, il Passo della Cremosina, al confine tra vercellese e Lago d’Orta, i colli di Boca, Maggiora, Borgomanero, Gargallo, Soriso e Gozzano.
Colli famosi, oltre che per gli ampi sentieri da percorrere a piedi o in MTB, per i pregiati vigneti e per i ricchi boschi che, sui versanti sud ospitano Querce e vasti Castagneti, mentre sui versanti Nord, vaste Faggete, tutti mete di cercatori di funghi di tutto il Nordovest italiano (a tal proposito, segui le nascite di funghi in zona attraverso le apposite pagine di funghimagazine.it).
L’economia di Grignasco, oltre che sul turismo e l’agricoltura è principalmente basata sul settore industriale con ricchissima offerta di attività commerciali ed con una discreta offerta anche di attività legate al settore primario dell’allevamento.
Ha adeguate strutture sociali, più limitata invece l’offerta sanitaria e scolastica, data la vicinanza con Borgosesia.
Grignasco possiede una Zona Industriale (D1) che ospita per lo più industrie metalmeccaniche legate alla produzione di valvolame e rubinetti.
Al confine con Borgosesia la strada per la frazione Ara con il Faro della Libertà, il Bar con ristoro Caret del Furnacc, l’Oratorio di San Grato, le Grotte di Ara e la Falesia di Ara con Punto Panoramico.
Nell’area industriale hanno sede la Rubinetteria Guglielmi SpA, Ceramica più di Melacane Antonietta, Moveco e Moveco Systems, Sma packing, Pagliafond.

Entrando nel centro abitato si possono trovare una gelateria, diversi Bar-Caffé, anche un lounge Bar Al Viale, Pasticceria, Panetterie ma soprattutto una ricchissima offerta di ristorazione con l’Osteria BrandOsteria, Taverna dal Barton, Pizzeria Bakkar, Golosia pizza, Pizzeria Colonna, A Casa di Ciccio Ristorante, il curioso Joe’s Garage, bar all’americana meta di motociclisti, il DiWine Fine Dinning Bistrot, il Ristorante la Fenice, l’Osteria bar Penne Nere, il Ristorante Dal Salmet, la Trattoria Monte Rosa, Grandotti 1920 Bakery Café Food and Kitchen un bar-pasticceria con ristorazione, Torteria Saint Honoré.
Sempre in città B&B Le Coccinelle, Cacciami Carlo affittacamere e Alla Gazza Ladra Hotel 3***stelle B&B già in territorio di Prato Sesia ma al confine di Grignasco.

Sono inoltre presenti Ferramenta, Marco Novello, fotografo videomaker e operatore droni,  IT Store negozio di informatica autorizzato Apple, l’Albergo Aurora, un Ottico, un’Erboristeria, Fiorista, Servizio di Radio Emergenza, Agenzia Viaggi Monterosa Viaggi, la Pescheria Casarotti, nota perché presente in molti mercati del circondario e la Nuova Ittica Casarotti, una Palestra Comunale, Oratorio di S. Giustino, Estetista, Cartoleria, Autonoleggio Bellini, Distributori di Carburanti Esso ed Eni Station, un Supermercato Carrefour Market con annesso il ‘Be Charge’-Charging Station, ovvero una stazione di rifornimento di energia elettrica, il Supermercato A&O, Alimentari Baragiotta Stefano, pure un Monastero delle Sorelle della Carità, RSA Villa Cristina Maria, Biblioteca Comunale, Grafidea Agenzia Pubblicitaria e Tecniche Creative Agenzia pubblicità, Studio Dentistico, Hobby PC Negozio di Computer, Zanolini Magazzino-Commercio all’ingrosso, Lavagettone e Autolavaggio, Motorglass vetri per auto ed un Amazon hub, una scuola di danza, La Birreria di Grignasco Birra e Pizza, Agazzini Bikes Negozio di biciclette, Carta Magia di Godio distribuzione carte e articoli regalo, Fiorellino Tendaggi Tessuti Biancheria, Pettinaroli Gabriele Negozio di animali, COM auto Centro Revisioni auto, Imprese di Costruzioni, Officine riparazioni auto, Acconciatori e Pettinatrici, Arte Vetro vetreria, Kurzi Yoga Pilates Meditazione, Vetreria F.E.L.C.E.A., Poste Italiane e Banco BPM e Les Maisons Agenzia Immobiliare e Farmacia.
Sempre in città, legate all’antica tradizione della produzione e distribuzione di mobili c’è Zanolini Commercio all’ingrosso di Mobili-Arredamento, Address design, Vinzio Mobili & Design, Cucine Centro Negozio di Mobili.

Tra le attività industriali in città, Premont srl, Elledi, Negri Fratelli fabbricazione di valvolame e rubinetti, Prosino srl produzione anelli in metallo, Bieffe Atrezzeria Produzione valvolame, Maiolo & Vacca Fornitore di impianti industriali, Guidi srl Fornitore di impianti industriali, RIV Rubinetterie Italiane Velatta SpA, Xilo Box legno compensato, ERRESSE srl valvole industriali, miscelatori, G-mec lavorazione metalli.

Tra le aziende legate all’agricoltura, Flora Giardini Servizi di Giardinaggio, Garden Zanet azienda florovivaistica, Agriturismo & Ippica San Michele Hotel a 3*** stelle, Selleria Fantaisie De Cheval equitazione, Lucky Dog allevamento cani, Azienda Agricola Davide Carlone e infine le Tenute Guardasole Azienda Vitivinicola, sui territori di Grignasco e Prato Sesia, Petali Di Dall Anese Laura Fiorista.
Insomma, la città di Grignasco vanta un attivissimo polo commerciale che serve i cittadini stessi ma anche gli abitanti dei vicini centri abitati.

ALCUNE TRA LE PIÙ IMPORTANTI ATTIVITÀ LOCALI





CULTURA E TRADIZIONI

  • FESTA DI SANT’AGATA (ARA)
  • FESTA DI SAN GAUDENZIO (ISELLA)
  • FERRAGOSTO GRIGNASCHESE
  • VIE IN FESTA
  • ASPETTANDO IL NATALE

Gallery fotografica a cura di Marco Novello servizicondrome.com


LUOGHI D’INTERESSE / MONUMENTI / BENI CULTURALI

CHIESA DI SAN GRAZIANOL’edificio è visitabile presso Via Angiolina Fasola → Vedi posizione sulla mappa

CHIESA PARROCCHIALE DI SANTA MARIA ASSUNTA – La Chiesa di Santa Maria è la parrocchiale della città di Grignasco, in provincia e diocesi della provincia di Novara. L’edificio fu eretto a partire dal 1751 su progetto di Bernardo Antonio Vittone, l’ultimo prestigioso esponente del barocco in Piemonte.
I lavori di costruzione iniziarono nel 1753 dopo l’approvazione dal vescovo di Novara Ignazio Roero Sanseverino e grazie all’apporto finanziario dell’arciprete Carlo Silano Tartagliotti e progredirono con i lasciti di vari benefattori, tra cui si distinsero alcuni esponenti della comunità grignaschese di Roma, e con la manodopera gratuita degli abitanti del paese. Il grande effetto scenografico dell’esterno si completa con la suggestiva gradinata di accesso al sagrato, anch’essa progettata da Vittone e realizzata dopo il 1772: la fontana al centro è opera dell’ing. Pietro Selletti di Grignasco (1872-73). La chiesa è conosciuta presso tutti gli esperti di Belle Arti, essendo una delle poche chiese cattoliche a Pianta centrale.
Situata al centro del paese, si affaccia su Piazza Giovanni Viotti – Per ulteriori informazioni – Tel. +39/0163.417140 → Vedi posizione sulla mappa

CHIESA DI SANTA MARIA IN BOVAGLIANO – È l’antica “pieve” di Grignasco e attualmente Chiesa del cimitero del paese. L’edificio attuale, dedicato alla “Natività di Maria”, è il frutto della sua totale ristrutturazione completata nel 1714 su iniziativa dell’arciprete Tartagliotti. Al suo interno conserva tracce di affreschi di Angelo De Canta datati 1539, due preziose tavole dipinte, anch’esse della prima metà del ‘500, raffiguranti S. Giovanni Battista e S. Pietro riconducibili allo stesso pittore ed un bel dipinto seicentesco del valsesiano Pietro Francesco Gianoli. L’edificio è posto all’interno del Cimiero di Grignasco in Località Bovigliano, tra via F. Peretti e Via della Madonna – Per ulteriori informazioni – Tel. +39/0163.417140 (Parrocchia) → Vedi posizione sulla mappa

CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIEAccesso libero – L’edificio è situato in Via Pinet Turlo – Per ulteriori informazioni – Tel. +39/0163.417140 → Vedi posizione sulla mappa

MONASTERO DELLE FIGLIE DELLA CARITÀ – Il complesso del Monastero delle Figlie della Carità, fu eretto in seguito al lascito testamentario del gennaio 1740 della nobildonna Giovanna Gerolama Cavallotti, vedova di Giovanni Battista Durio, uno dei maggiori esponenti della nobile famiglia grignaschese le cui vicende si legano nei secoli a quelle della società. Inizialmente questa struttura era composta da una semplice casa di abitazione che fu ripristinata per ospitare il primo piccolo nucleo di monache col compito di educare le povere giovani del paese. Tutto la struttura fu ristrutturata ed ampliata nel 1828 su progetto dell’architetto novarese Stefano Ignazio Melchioni. Al suo ingresso è presente un bel bassorilievo in marmo di Carrara, opera di Giuseppe Argenti (1839), raffigurante S. Vincenzo de Paoli che predica alle monache. L’edificio è visitabile presso Via Costantino Perazzi, 6 – Per ulteriori informazioni – Tel. +39/0163.417488 → Vedi posizione sulla mappa

ORATORIO DI SAN GIUSTINOIndirizzo – Via Torchio, 12 – Per ulteriori informazioni – Tel. +39/0163.417491 → Vedi posizione sulla mappa

ORATORIO DI SAN ROCCO (Sec. XVI)Indirizzo – Via Cesare Vinzio, 17, (fraz. Torchio) – Per ulteriori informazioni – Tel. +39/0163.417140 (Parrocchia) → Vedi posizione sulla mappa

PALAZZO DURIOPrivato – Visibile solo dall’esterno. L’edificio è situato in Piazza Giuseppe Garibaldi → Vedi posizione sulla mappa

PARCO “CLAUDINO MORA”Situato all’angolo tra Via Don Tartagliotti e Via Rosa Massara → Vedi posizione sulla mappa

CAPPELLA DI S. ANTONIO – La Cappella di Sant’Antonio o (Cà Trimpella) è situata in frazione Casa Negri. È una piccola Cappella devozionale con una minuscola abside semicircolare per l’altare. Su di essa sono dipinti affreschi in due fasi decorative sovrapposte, che propongono storie della vita e della passione di Cristo e immagini dei santi caratteristici della devozione locale. Parte di questi risalgono alla prima metà del 1500, commissionati dalla famiglia Masaroto. Area aperta – Frazione Negri – Per ulteriori informazioni – Tel. +39/0163.417140 (Parrocchia)  → Vedi posizione sulla mappa


OSPITALITÀ – ACCOGLIENZA TURISTICA

  • Albergo Aurora ⭐️⭐️ – Via IV Novembre, 8 – Tel. +39/0163.411325
  • Affittacamere “Cacciami Carlo” – Via Federico Peretti, 47 – Tel. +39/0163.417103 – Cell. +39/347.4762231 
  • Casa delle Grotte di Ara (Aree Attrezzate Pic Nic) – Cell. +39/327.5483776 – Email. 3ppiemonte@gmail.com
  • Bar Sport – Via Rosa Massara, 8 – Tel. +39/0163.417190
  • Bar Ristorante Pizzeria “La Palma” – Via Quattro Novembre, 8 – Tel. +39/0163.417796
  • Ristorante Bar M. & G. Old America – Via Rosa Massara, 18 – Tel. +39/0163.418087
  • Bar Trattoria Penne Nere – Frazione Carola, 21 – Tel. +39/0163.417241
  • Trattoria Dal Salmet – Cascina Barbonaiga – Cell. +39/380.5125443
  • Ristorante Pizzeria “La Fenice” – Via IV Novembre, 8 – Cell. +39/346.6116628
  • Brandosteria – Via Rosa Massara, 9 – Tel. +39/0163.417344
  • Vineria “DiWine” Fine Dining Bistrot – Via Italia, 5 – Cell. +39/348.2254712 – Email. zrz_king@yahoo.it
  • Taverna Dal Barton – Cucina italiana/Mediterranea – Via IV Novembre, 11 – Tel. +39/0163.417679 – Email. tavernadalbarton@gmail.com
  • Bar Con Ristoro “Carett Dal Furnacc” – Via Cavour, 20 frazione ARA – Cell. +39/347.4981007
  • Ristorante Pizzeria Golosia – Via Federico Peretti, 26 – Tel. +39/0163.411756
  • La Birreria Di Grignasco – Via Federico Peretti, 55 – Tel. +39/0163.418434
  • Pasticceria Tinivella Di Andrea Dones – Via Roma, 6/A – +39/0163.417400 – pastindones@gmail.com
  • Ai Terrieri – Ristorante – Localita’ Isella, 28075 Grignasco – Tel. +39/0163.417189
  • Gilly Gelateria Ceffetteria – Via Giuseppe Mazzini, 12 – Tel. +39/0163.417659
  • Joe’s Garage Bar – Via IV Novembre, 22 – Tel. +39/345.4694012

GUARDA ANCHE LA PAGINA DELLE ⇒INFORMAZIONI UTILI per scoprire altri indirizzi di pubblica utilità o emergenza in Valsesia.

Il contenuto di questa pagina è in costante aggiornamento. Vuoi aiutarci ad arricchirla con informazioni o fotografie? Puoi farlo inviando una email a: eventivalsesia@gmail.com ti ringraziamo anticipatamente per il contributo.

Back to top button