Escursioni guidateInfo utiliSpazio ai lettori

Il Nordic Walking. Un vero toccasana per tutti

NORDIC WALKING ossia Camminata Nordica.

Il Nordic Walking nasce negli anni ’30 in Finlandia ed è praticamente la tecnica dello sci di fondo rielaborata per poter essere svolta anche in mancanza di neve e quindi permettere agli atleti di allenarsi anche in estate. Solo nel 1997 è stata presentata e lanciata ufficialmente come un’attività sportiva fine a sé stessa, e da lì è stata poi conosciuta in Italia e in molti altri paesi.

Il Nordic Walking, probabilmente non tutti sanno, è un vero toccasana per il nostro corpo, favorendo benessere fisico e conseguentemente anche mentale. Praticando questa attività aerobica infatti, si mettono in movimento senza grandi sforzi circa il 90% di tutti i muscoli del corpo! Avete letto bene!! Il 90%! Praticare regolarmente questa attività almeno 30 minuti due volte a settimana, permette di ritrovare in pochi mesi una perfetta forma fisica ma c’è dell’altro!

Con il Nordic Walking oltre che bruciare più calorie rispetto alla camminata tradizionale, potete percorrere più strada con lo stesso sforzo di una camminata, e cosa molto importante è che con l’aiuto dei bastoncini si scarica una parte del peso del corpo sugli arti superiori evitando di sovraccaricare le articolazioni e i legamenti di ginocchia e caviglie.

Da sottolineare che il Nordic Walking è uno sport adatto a tutte le età!

Solo in pochissimi casi è sconsigliato, per questa ragione se soffrite di particolari patologie, chiedete consiglio al vostro medico prima di iniziare a praticarlo.

Il Nordic Walking oltre che essere un’attività fisica completa è anche economica: servono infatti solo un paio di bastoncini da nordic walking, (i prezzi variano da quelli piu’ a buon mercato in alluminio, a quelli di prezzo superiore in carbonio) un paio di scarpe da ginnastica e abbigliamento comodo.

I bastoncini da Nordic Walking devono avere innanzitutto una buona resistenza, quindi non limitatevi ad acquistare i più economici sul mercato, puntate piuttosto alla qualità e di conseguenza alla durata del prodotto. Devono ovviamente essere di altezza adeguata alla vostra persona e per sapere qual è, vi consigliamo di fare questa semplice operazione: la vostra altezzax0,7=h bastoncini esempio se siete alti 1,70×0,7=1,19 i bastoncini dovranno essere alti 1,20mt (arrotondato il valore di 1,19). Questi consigli valgono particolarmente per chi pratica la camminata nordica a livelli avanzati ma per i principianti e per chi vuole svolgere l’attività in maniera tranquilla e come svago, consigliamo un paio di bastoncini telescopici da potere abbassare o alzare in base alla propria sensazione di comodità.

Abbiamo deciso di approfondire questo argomento con due istruttrici di Nordic Walking e guide escursionistice: Tiziana Curcio e Barbara Cerutti che sono le fondatrici dell’Associazione Nordic Walking Vco. Tiziana si occupa principalmente della zona del Verbano, Barbara delle zone Cusio e Ossola, ma a volte si spostano anche in Valsesia per trekking o corsi di Nordic Walking.

Abbiamo quindi pensato di fare una serie di domande, che vi elenchiamo qui sotto con le loro risposte, per capire come affrontare questa attività nel modo migliore.


  • Esiste un’età ideale per praticare il Nordic Walking?

Assolutamente no, è indicato a qualsiasi età e forma fisica, dato che si può praticare a seconda delle proprie esigenze e a differenti livelli di sforzo e di intensità

  • Ci sono delle controindicazioni o casi in cui è meglio non praticare questa attività?

Sono davvero pochissimi, pertanto se si dovesse soffrire di patologie particolari è sempre meglio chiedere un parere al proprio medico. Nella maggioranza dei casi il Nordic Walking é consigliato dai medici proprio grazie al fatto che è un’attività adatta a tutti, di “basso impatto” sulle articolazioni e che può essere praticato in tutte le stagioni. Recenti studi hanno confermato che è adatto ai malati di Parkinson e nel recupero fisico e riabilitativo dopo periodi di convalescenza.

  • Ci confermate che vengono utilizzati circa il 90% dei muscoli del corpo?

Si perché con l’utilizzo dei bastoncini e la tecnica corretta vengono coinvolti nella camminata anche i muscoli della parte superiore del corpo

  • Si pratica solo su percorsi pianeggianti o anche su sentieri di montagna?

Il nordic walking si pratica su percorsi pianeggianti ma c’è una tecnica specifica chiamata Nordic Hiking che permette di variare i percorsi anche in discesa e salita.

  • I bastoncini quindi si possono usare sia in salita che in discesa?

Si, con la tecnica del Nordic Hiking i bastoncini sono molto utili: in salita possiamo sfruttare la spinta riducendo la fatica, ricordiamo inoltre che il movimento viene distribuito su tutto il corpo e non solo nelle gambe. In discesa i bastoncini ci consentono di avere più equilibrio, di controllare la velocità e cosa importante di non sollecitare troppo le articolazioni, specialmente delle ginocchia

  •  Ci sono determinati movimenti del corpo da seguire e postura da tenere, oppure si cammina normalmente?

Il nordic walking è ottimo per migliorare postura e controllo del nostro corpo. La tecnica completa acquisita, ci renderà consapevoli dell’appoggio del piede, della spinta e il rilascio del bastoncino, del movimento rotatorio di spalle e bacino. Tutto questo ci permette di sfruttare il piacere e i benefici della normale camminata rendendola un esercizio fisico completo. Se non si esegue la tecnica giusta non si ottengono gli stessi benefici, si rischia di sovraccaricare spalle e collo provocando degli indolenzimenti. I movimenti errati nella tecnica, se vengono automatizzati quando si inizia a praticare Nordic Walking è molto difficile correggerli successivamente.

  • Le attrezzature devono essere diverse in base al tipo di terreno sul quale andremo a camminare?(Montagna, asfalto, prati o sentieri in pianura)

Sicuramente le scarpe devono essere adatte ai sentieri che decidiamo di percorrere, per i bastoncini ci sono delle specifiche “scarpette” chiamate gommini da utilizzare sulle superfici dure, come ad esempio l’asfalto.

  • E’ consigliabile prendere qualche lezione inizialmente oppure si è subito in grado di praticare il Nordic Walking?

Noi ovviamente consigliamo di fare almeno un corso base per apprendere la tecnica corretta. Nelle ASD i costi sono alla portata di tutti. Solitamente con la nostra Associazione preferiamo svolgere i corsi base con gruppi di 3/5 persone per potere seguire ogni partecipante nello svolgere la tecnica corretta. Organizziamo a richiesta anche corsi individuali, solitamente sono lezioni di circa un’oretta e mezza a uscita, ricordiamo che è necessario il certificato medico non agonistico, come per le iscrizioni in palestra.)

  • Si dice che soprattutto dopo un intervento di mastectomia, questa attività è fortemente consigliata. Tiziana, vuoi dire qualcosa in merito a questo?

Si certo. Ho iniziato a praticare nordic walking durante le terapie oncologiche, dopo aver affrontato una mastectomia. Siccome ero debilitata dalle chemioterapie, faticavo a correre e a fare i miei soliti allenamenti. Mi sono avvicinata a questa bellissima attività per il motivo che avrei potuto praticarla a ritmi meno sostenuti e me ne sono così innamorata da decidere di diventare istruttrice, dato che ne ho tratto un grande beneficio sia mentale che fisico. Tra l’altro il movimento delle braccia “a pendolo” che eseguiamo con il bastoncino è un ottimo esercizio riabilitativo per le persone che hanno subito una mastectomia, dato che aiuta a prevenire edemi e rigonfiamenti del braccio dovuti all’intervento.

Se volete fare altre domande a Tiziana e Barbara, vi ricordiamo di scriverle nei commenti e tramite la pagina facebook di Eventi Valsesia e dintorni, vedrete le risposte.

Per saperne di più sulla loro Associazione, visitate la pagina facebook: https://www.facebook.com/nordicwalkingvco/  oppure il loro sito ufficiale: http://www.nordicwalkingvco.it/wp/


Ma qui in Valsesia dove possiamo praticare il Nordic Walking?

Come ci hanno confermato Tiziana e Barbara, è una pratica sportiva che non necessita di appositi percorsi, può infatti essere praticata anche sull’asfalto, perciò in qualsiasi paese o città vi trovate. Vero è, che i benefici di camminare in mezzo al verde sono sicuramente superiori! Allora il consiglio che vi diamo è di camminare il più possibile a stretto contatto con la natura circostante, un esempio potrebbero essere le escursioni sulle Colline di Gattinara, in alta valle invece potete recarvi a Carcoforo, Riva Valdobbia, in Val Vogna, sono tutti luoghi dove potete trovare facili e ideali sentieri soprattutto per prendere confidenza con questo genere di camminata.


Se vi ha incuriosito un pò questa attività sportiva, vogliamo inoltre segnalarvi un uomo che in Italia ha fondato insieme a Fabio Moretti, la prima scuola Italiana di Nordic Walking, si tratta del grande sportivo e pluricampione Pino Dellasega. Pino che ha visto cambiare la sua vita da un giorno all’altro dopo essere stato colpito da un ictus, ha ripreso a vivere e camminare dopo una lunga riabilitazione ed ha scritto molti libri interessanti, dove poter attingere informazioni riguardo al nordic walking ma anche molti spunti di riflessione. A questo link potete leggere di più: http://www.trekkingdelcristopensante.it/il-libro/pino-dellasega-lautore

Tags

Commenta

Back to top button
Close