EventiEventi dintorni ValsesiaVerbano-Ossola

A Domodossola l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova

L’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova a Domodossola per un imperdibile concerto in onore di Mario Ruminelli.

Giovedì 3 ottobre l’Associazione Ruminelli regala alla città un grande concerto sinfonico, per suggellare in musica un inscindibile vincolo artistico e affettivo tra Genova e Domodossola.

L’Associazione Culturale Mario Ruminelli e la Fondazione Paola Angela Ruminelli, in collaborazione con la Città di Domodossola, portano a Domodossola la grande Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, una delle più conosciute e apprezzate in Italia, per uno straordinario concerto dedicato proprio a Mario Ruminelli, che di quella compagine fu per tredici anni violino di spalla.

Giovedì 3 ottobre alle ore 20.30 la compagine orchestrale ligure, sotto la bacchetta di Giuseppe Acquaviva e con la partecipazione del violoncello solista di Erica Piccotti, porterà nella Chiesa Collegiata di Domodossola un sontuoso programma con musiche di Ludwig van Beethoven ed Antonín Dvořák.
La serata, appuntamento musicale imperdibile per gli appassionati di musica colta, ma non solo, sarà l’occasione per unire simbolicamente due città che rappresentarono veri e propri luoghi del cuore nella vita della
professoressa Ruminelli e del padre. Mario Ruminelli era originario di Domodossola e, una volta trasferitosi a Genova per esercitare la sua professione di violinista professionista, tornò sempre volentieri alla sua amata terra natia; Paola Angela nacque e visse a Genova, ma imparò a conoscere ed amare profondamente Domodossola fin da bambina, sino a decidere di inserire la città nel proprio lascito testamentario.

Il programma della serata, ad ingresso gratuito sino ad esaurimento dei posti disponibili, è il seguente:

Antonín Dvořák, Concerto per violoncello e orchestra in si minore op. 104 Ludwig van Beethoven, Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36


L’Orchestra della Fondazione Teatro Carlo Felice ha una storia che inizia nei primi del ‘900: neppure i bombardamenti del ’43, che videro il Teatro semi distrutto, ne hanno interrotto l’attività sinfonica ed operistica.
Nel 1965 l’Orchestra si strutturò in maniera organica e da allora ha continuato ad evolversi esaltando le qualità sia dell’orchestra nel suo insieme, sia delle parti solistiche. Sin dagli anni ’50 sul podio si sono avvicendati direttori di rilevanza internazionale: tra questi Victor De Sabata,
Tullio Serafin, Igor Stravinsky, Franco Capuana, Vittorio Gui Sergiu Celibidache, Hermann Scherchen, Sir John Barbirolli, Claudio Abbado, Francesco Molinari-Pradelli, Carlo Maria Giulini, Riccardo Muti, Georges Prêtre, Mstislav Rostropovič, Giuseppe Patanè, Vladimir Delman, Gianandrea Gavazzeni, Spiros Argiris, Peter Maag, Rafael Frühbeck de Burgos, Myung-Whun Chung, , Yury Ahronovitc, etc.. In tempi più recenti ricordiamo Daniel Oren (Direttore Principale dell’Orchestra nella seconda metà degli anni ’80 e dal 2007 al 2010), Antonio Pappano, Christian Thielemann, Daniele Gatti, Gary Bertini, Gennadij Rozdestvenskij, Gianluigi Gelmetti, Rudolf Barshai, Bruno Campanella, Lorin Maazel, Zubin Mehta, Nello Santi, Michel Plasson (Direttore Principale Ospite dell’Orchestra nei primi anni 2000), Bruno Bartoletti, Neville Marriner, Nicola Luisotti, Juanjo Mena (Direttore Principale Ospite dell’Orchestra dal 2007 al 2010), Diego Fasolis, Dmitrij Kitajenko, Manfred Honeck, Donato Renzetti, Kyrill Petrenko, Carlo Rizzi, Stefan Soltestz, Wayne Marshall, Alpesh Chauhan, Alan Buribayev e Hartmut Haenchen.

Numerose sono le incisioni, soprattutto di produzioni liriche registrate presso il Teatro Carlo Felice, effettuate per etichette quali Deutsche-Grammophon, Decca, Sony, Tdk, Rai-Trade, Nuova Era Records, Arthaus Musik, Dynamic, Bongiovanni, Denon-Nippon e BMG-Ricordi.
Con un repertorio che spazia dal primo Settecento alla Musica Contemporanea, l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova si colloca ai migliori livelli nel panorama italiano. Forte e costante la presenza dell’orchestra sul territorio nelle più diverse manifestazioni istituzionali e culturali, dal Concerto per il Congresso Eucaristico
Nazionale del 2016, ai vari concerti per la Festa della Repubblica, alla Commemorazione per le vittime del Ponte Morandi nel 2018.

Qualità e versatilità sono le parole chiave dell’orchestra che le consentono di passare dai funambolici concerti quali quelli con Igudesman&Joo o Janoska Quartet, a progetti di ampio respiro internazionale come la partecipazione all’Expo di Astana 2017 alla sinfonia dei 1000, l’opera più monumentale di Mahler, in cui l’Orchestra e Coro del Teatro Carlo Felice sono stati l’unica rappresentanza italiana insieme alle orchestre di tre
città Kazake, una russa, una siberiana.

Il consenso e l’apprezzamento delle qualità dell’orchestra sono stati raccolti nelle tournée degli ultimi anni nei diversi angoli del mondo, dall’Oman al Kazakistan, dalla Cina alla Slovenia sia con repertorio operistico sia sinfonico.


Erica Piccotti, nata a Roma nel 1999, si diploma in violoncello a soli 14 anni con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore presso il Conservatorio di S. Cecilia di Roma sotto la guida di Francesco Storino. Continua gli studi con Antonio Meneses e frequenta prestigiose masterclass tra cui quelle di Thomas Demenga e Mario Brunello. Ha vinto importanti concorsi nazionali e internazionali, tra cui “NYIAA Competition”, che le ha consentito di esibirsi presso la Carnegie Hall di New York. Ha ricevuto borse di studio dalla De Sono Associazione
per la Musica, dalla Filarmonica della Scala di Milano e dal 2017 è sostenuta dall’Associazione Culturale Musica con le Ali. Il suo debutto è avvenuto in occasione del Concerto di Natale 2012 che si è tenuto alla Camera dei Deputati in diretta su RAI 5 nel quale ha suonato in duo con Mario Brunello per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Da allora si è esibita nei festival più prestigiosi, tra cui “Chamber music Connects the world” in Kronberg, “Janigro Festival” in Porec, “Rome Chamber Music Festival” e Festival dei Due Mondi di Spoleto. Come solista ha suonato con “I Solisti di Zagabria”, “Orchestra I Pomeriggi Musicali”, “Orchestra Sinfonica Abruzzese”, “Orchestra Sinfonica del Estado del México”, “Orquestra Jovem Vale Música”. Ha collaborato con artisti quali Salvatore Accardo, Julius Berger, Mario Brunello, Bruno Canino, Augustin Dumay, Gidon Kremer, Bruno Giuranna, Itamar Golan, Louis Lortie, Andrea Lucchesini, Robert McDuffie, Antonio Meneses, Sir András Schiff, Christian Tetzlaff.
Nell’aprile 2018 è uscito il suo primo CD per la casa discografica Warner Classics in duo con il pianista Itamar Golan. L’8 marzo 2013 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano le ha conferito l’Attestato d’Onore “Alfiere della Repubblica” per gli eccezionali risultati in campo musicale ottenuti in giovanissima età. Suona un
violoncello Ruggeri (Cremona, 1692) gentilmente concesso dalla Fondazione Micheli di Milano.


Mario Ruminelli nacque a Domodossola il 6 ottobre 1907, figlio di Emilio Giulio Ruminelli, compositore, docente di pianoforte, organista e direttore della banda locale. Dal padre ereditò la passione per la musica tanto da
intraprendere lo studio del violino al Conservatorio G. Verdi di Milano sotto la guida del Maestro Enrico Polo, cognato di Arturo Toscanini ed eminente personalità artistica del tempo, con il quale mantenne un legame affettivo durato fi no alla scomparsa del Maestro, nel 1945. Nell’arte del violino era molto apprezzato, per il suono vibrante e comunicativo, per la sensibilità e per l’arcata robusta e sicura tanto da diventare un modello di stile. Nel 1942 si trasferì a Genova, dove aveva vinto la cattedra di violino al  Conservatorio Niccolò Paganini, esercitando il suo insegnamento fi no al 1975. Contemporaneamente dal 1944 al 1957 fu violino di spalla dell’orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova. Esponente del Comitato fondatore del Premio Paganini, di cui fu anche vicedirettore, componente della Commissione di esperti per la custodia e la conservazione del violino di Paganini, membro di Giurie Internazionali di concorsi violinistici, per i suoi meriti artistici fu insignito nel 1979 della Commendatizia del Presidente della Repubblica. Inoltre la città di Genova per il suo contributo alla tutela del patrimonio artistico della città, nel 1989 gli assegnò il Grifo d’oro, massima onorifi cenza cittadina.

Per informazioni sulle attività dell’Associazione Culturale Mario Ruminelli e della Fondazione Paola Angela Ruminelli www.ruminelli.itwww.facebook.com/associazionemarioruminelli
info@associazioneruminelli.it – info@fondazioneruminelli.it

orchestra_del_teatro_carlo_felice_-_genova
orchestra_del_teatro_carlo_felice_genova

 

 

 

 

 

 

direttore_-_giuseppe_acquaviva
direttore_giuseppe_acquaviva
Tags

Commenta

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker