BorgosesiaEventiMedia Valsesia

Borgosesia: Sabato 30 novembre interessante seminario al Centro Studi Turcotti

Si svolgerà sabato 30 novembre 2019 a Borgosesia al Centro Studi Giovanni Turcotti, Via Giordano 1/ angolo Via dott. Ferro con inizio alle ore 14,30.

Si tratta di un Seminario di Studio proposto dal CENTRO STUDI G. TURCOTTI e da TRIACAMUSICALE in collaborazione con la ASL di VERCELLI, la FONDAZIONE VALSESIA e il COMUNE di BORGOSESIA.

Il seminario inizia con una lezione su “La coreografia: l’arte del movimento. Riflessioni sulla natura della Coreografia tenuta da Alice Regis Milano, laurenda dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma, cui seguirà un intervento di Niccolò Cattich, dirigente psichiatra ASL Vercelli, esperto in arti-terapie, sulle funzioni generali delle “Arti-terapie per la salute mentale“.

In seguito verranno presentati i risultati di due esperienze pratiche che si svolgono una al Centro Diurno di Borgosesia con la  danzamovimentoterapia (Silvia Castaldi, Marinella Marchitelli, Roberta Ramazzina e Valeria Vietti) e l’altra al Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell’Ospedale di Vercelli nell’atelier di arteterapia (Stefania Anzolla, Stella Bertin, Silvia Castaldi e Silvia Ferraris).

La seconda parte del seminario, con inizio alle ore 17, ripercorrerà i “40 anni di costruzione dei Servizi per la Salute Mentale nella provincia di Vercelli“, partendo dalla Deliberazione della Giunta Provinciale di Vercelli del 24 settembre 1979 n. 1832 : “O.P.N. Ristrutturazione servizi sanitari e istituzione servizi territoriali” attraverso gli interventi di specialisti che si sono avvicendati nel corso di questi decenni (Franco Cancelliere, Marco Cattaneo, Arcadio Erlicher, Giovanni Geda, Marinella Mazzone, Giuseppe Saglio e Luca Tarantola) in collaborazione negli anni ottanta con l’Università di Torino nella persona del prof. Gian Giacomo Rovera.

I relatori metteranno in evidenza i punti di forza e i punti di debolezza di questa costruzione.

Nell’occasione verrà presentata la mostra fotografica di Riccardo Poma “Vuoti a Perdere. Le geometrie dell’abbandono. Bellissime foto di grande suggestione di luoghi abbandonati, carichi di storie vere, da non dimenticare, tra cui il Manicomio di Vercelli.

Tags

Commenta

Back to top button
Close