EventiEventi dintorni ValsesiaNovarese

Domenica 23 maggio Giornata Nazionale delle Dimore Storiche

Saranno trecento le dimore visitabili gratuitamente in tutta Italia.

Fra i primi grandi appuntamenti culturali nazionali a consentire visite in presenza dopo l’emergenza Covid, e ovviamente subordinato alle disposizioni che saranno in vigore il 23 maggio.

 

L’omaggio al bello ed alla Storia della Penisola, nel 160° anniversario dell’Unità d’Italia, si chiude domenica 23 maggio in occasione della XI Giornata Nazionale delle Dimore Storiche Italiane. Ben 34 saranno quelle aperte in Piemonte e Val d’Aosta, più 3 Case della Memoria a Saluzzo. Un’ottima occasione da cogliere per una gita fuori porta, per  entrare a piccoli passi nella storia e rivivere momenti ed atmosfere del passato di cui le dimore storiche sono testimoni e custodi.

LE PRENOTAZIONI PER LE VISITE DI TUTTE LE DIMORE SI CHIUDERANNO SABATO ALLE ORE 12.

Testimoni della storia a cavallo dei secoli, il 23 maggio, trecento tra castelli, rocche, palazzi gentilizi, ville, parchi e giardini di tutta la Penisola apriranno gratuitamente le loro porte in occasione della XI Giornata Nazionaledell’Associazione Dimore Storiche Italiane (ADSI). Iniziativa
che vede il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, del Ministero della Culturae diConfartigianato ed è attuata in collaborazione con la Federazione Italiana Amici dei Musei (Fidam), l’Associazione Nazionale Case della Memoria e Federmatrimoni ed Eventi Privati (Federmep). L’evento è realizzato con il contributo di American Express.

La Giornata Nazionale ADSI riveste un particolare significato e rappresenta il primo momento di ripartenza, di riscoperta di complessi monumentali che costituiscono il più grande museo diffuso d’Italia.

Un patrimonio dato per scontato, talvolta ignorato o trascurato, che tramanda valori e tradizioni della nostra nazione e che prima della
pandemia era in grado di accogliere 45 milioni di visitatori l’anno.

In Piemonte e Valle d’Aosta saranno 34 le proprietà ADSI aperte per la Giornata Nazionale (elenco a fine articolo), di cui 4 alla loro prima partecipazione: nel novarese, a San Maurizio d’Opaglio, Casa Bettoja; nel torinese, a Bricherasio, il Palazzo dei Conti di Bricherasio, a Virle, il Castello Piossasco di None e a Santena il Polo Cavouriano, neo-iscritto ADSI. Alle proprietà ADSI si aggiungono 3 dimore dell’Associazione Nazionale Case della Memoria visitabili a Saluzzo,Candidata Capitale della Cultura Italiana 2024.

Nell’insieme, luoghi che hanno fatto da sfondo all’epopea risorgimentale, residenze di scrittori e personalità illustri del passato che in tempi e modi diversi hanno contribuito a scrivere interi capitoli della Grande Storia nazionale.

La Giornata ADSI Piemonte e Valle d’Aosta ricevuto il sostegno di Reale Mutua e il Patrocinio della Regione Piemonte, del Consiglio Regionale del Piemonte, della Regione Autonoma Valle d’Aosta, della Città Metropolitana di Torino e delle Province di Alessandria, Asti, Cuneo e Novara.

Oltre alle iniziative promosse localmente dai proprietari in occasione della Giornata Nazionale, novità di quest’anno è il concorso fotografico in collaborazione con Photolux rivolto a tutti gli utenti di Instagram.
Per partecipare basterà caricare una foto sul proprio profilo usando l’hashtag #giornatanazionaleadsi2021. La giuria premierà soprattutto l’originalità degli scatti e selezionerà 25 fotografie che verranno esposte in una mostra presso Palazzo Bernardini a Lucca dal 4 al 26 settembre 2021, in concomitanza con la mostra dei vincitori del World Press Photo 2021.

Sandor Gosztonyi, Presidente ADSI – Sezione Piemonte e Valle d’Aosta dichiaraAnche in questa delicata fase di ripartenza, le dimore private fanno da traino al comparto turistico italiano, uno dei più
importanti dell’economia nazionale nonché fra i più penalizzati dal lungo lockdown dell’ultimo anno” e prosegue “Ogni dimora, sottoposta a vincolo in virtù del suo valore storico-artistico, richiede ingenti sforzi da parte dei proprietari chiamati in prima persona a mantenere intatti questi beni privati di interesse pubblico. Ora grazie alla collaborazione avviata a livello nazionale con Confrestauri, ci auguriamo che anche il Recovery Plan – che dovrebbe destinare consistenti risorse alla cultura ed al turismo – possa venirci incontro. E’necessario supportare le Dimore Storiche affinché possano restaurare e mettere in risalto le attrattive dei singoli beni, contribuendo così a tenere in vita professioni in via di estinzione e dare nuova vitalità ai territori di riferimento alimentando l’indotto diretto ed indiretto. Il Covid ci ha insegnato il valore del turismo di prossimità ed alla portata di tutti, sottolineando l’importanza del sapersi guardare attorno per scoprire le ricchezze, spesso sconosciute o sottovalutate,
che sono alle porte di casa”

In Italia, più che in altri Paesi, gli immobili storici costituiscono una rete unica al mondo.

Dal Nord al Sud sono capisaldi di un patrimonio della collettività che i proprietari, ogni giorno, si impegnano a custodire e valorizzare, così da trasmetterlo alle generazioni a venire. La Giornata Nazionale si propone infatti come un racconto reale, uno spaccato della storia del nostro Paese in grado di sensibilizzare cittadini e istituzioni
su cosa significhi gestire questi beni, quali professionalità sono richieste per tutelare antiche mura e giardini secolari, auspicando che molti giovani riescano a cogliere il potenziale insito nelle dimore storiche,
riuscendo a reinterpretarlo in chiave futura.

Alcune località nel torinese (Bricherasio, Collegno, Santena), nel novarese (a Boca e sul Lago d’Orta) e Saluzzo prevedono poi aperture gemelle. Ottimo presupposto per delineare itinerari veri e propri che
suggeriscano al pubblico non la singola visita bensì un mini-percorso personale, sulla base dei propri interessi, che tocchi più dimore in un territorio circoscritto. Magari in abbinamento a visite di altre località
ed attrattive, o alla conoscenza di prodotti locali, in molti casi coltivati proprio nelle dipendenze agricole di alcune delle proprietà.
Anche quest’anno, per garantire il massimo rispetto delle misure di sicurezza previste dall’attuale contesto e consentire, allo stesso tempo, a tutti i visitatori di fruire di questi luoghi incantevoli, sarà necessario
prenotare la propria visita e recarsi alla destinazione prescelta provvisti di mascherina e rispettando tutte le misure sanitarie in vigore.

L’elenco dei luoghi aperti al pubblico e i moduli di prenotazione sono disponibili al link: www.associazionedimorestoricheitaliane.it

PIEMONTE

Alessandria
Castello di Borgo Adorno –Cantalupo Ligure (AL)
Castello di Rocca Grimalda –Rocca Grimalda (AL)
Palazzo Gozzani di Treville – Casale Monferrato (AL)
Villa La Marchesa –Novi Ligure (AL)
Villa La Scrivana –Valmadonna (AL)
Castello di Ozzano Monferrato – Ozzano Monferrato (AL) – già aperta in passato ma non nel 2020
Castello di Sannazzaro – Giarole (AL) già aperta in passato ma non nel 2020
Castello di Piovera – Piovera (Al) già aperta in passato ma non nel 2020

Asti
Castello di Calosso d’Asti – Calosso d’Asti (AT)
Castello di Montemagno –Montemagno (AT)
Castello di Robella – Robella (At) – già aperta in passato ma non nel 2020
Palazzo Gazelli di Rossana – Asti (AT)
Tenuta Alfieri di Sostegno – San Martino Alfieri (AT)

Cuneo
Castello di Sanfrè –Sanfrè (CN)
Tenuta Berroni –Racconigi (CN)
Villa Oldofredi Tadini – Cuneo – già aperta in passato ma non nel 2020
Casa Cavassa – Ass.ne Le Case della Memoria Saluzzo (Cn) *
Casa Augusto e Anna Radicati di Marmorito – Ass.ne le Case della Memoria* – Saluzzo (CN)*
Casa Museo – Silvio Pellico – Saluzzo (Cn)*

Novara
Podere ai Valloni –Boca (NO)
Casa Cobianchi– Boca (NO)
Villa Motta –Orta San Giulio (NO)
Casa Bettoja – San Maurizio d’Opaglio (No) * aperta per la prima volta

Torino
Casa Lajolo – Piossasco (TO)
Castello Galli della Loggia – La Loggia (TO)
Castello di Marchierù – Villafranca Piemonte (TO)
Parco Castello di Sansalvà – Santena (TO)
Polo Cavouriano – Fondazione Camillo Cavour – Santena (TO)* – aperto per la prima volta
Villa Richelmy– Collegno (TO)
Castello Provana di Collegno –Collegno (TO)
Palazzotto Juva – Volvera (TO)
Castello Piossasco di None -Virle (TO)* aperto per la prima volta
Palazzo Castelvecchio – Bricherasio (T0)
Castello di Osasco – Osasco (To)
Palazzo dei Conti di Bricherasio* – Bricherasio (To)* aperto per la prima volta
Castello di Pavarolo – Pavarolo (To) – già aperta in passato ma non nel 2020

VALLE D’AOSTA
Villa Albertini –Gressoney Saint Jean (AO)

ASSOCIAZIONE DIMORE STORICHE ITALIANE
L’Associazione Dimore Storiche italiane, Ente morale riconosciuto senza fini di lucro, è l’associazione che riunisce i titolari di dimore storiche presenti in tutta Italia.Nata nel 1977, l’Associazione conta attualmente
circa 4500 soci e rappresenta una componente significativa del patrimonio storico e artistico del nostro Paese. L’Associazione promuove attività di sensibilizzazione per favorire la conservazione, la valorizzazione e la gestione delle dimore storiche, affinché tali immobili, di valore storico-artistico e di interesse per la collettività, possano essere tutelati e tramandati alle generazioni future nelle condizioni
migliori. Questo impegno è rivolto in tre direzioni: verso i soci stessi, proprietari dei beni; verso le Istituzioni centrali e territoriali, competenti sui diversi aspetti della conservazione; verso la pubblica opinione, interessata alla tutela e valorizzazione del patrimonio culturale del Paese.
www.adsi.it www.dimorestoricheitaliane.it
Facebook: Associazione Dimore Storiche Italiane
Twitter: @dimorestoriche
Instagram: dimore_storiche_italiane
Youtube: Associazione Dimore Storiche Italiane

Guarda tutto
Gadget firmati Eventi Valsesia

Lascia il tuo commento

Articoli stesso argomento
Close
Back to top button