Reportage eventi

Inaugurata la mostra: “Uomini-Uovo e fantasie su porcellana”

Martedì 16 aprile è stata inaugurata in Biblioteca una mostra di carattere pasquale: “Uomini-Uovo e fantasie su porcellana”, allestita dalle artiste Carla Dorz e Giuliana Zanotti.

L’Assessore ai Servizi Sociali, Enrica Poletti, ha accolto i partecipanti alla presentazione: particolarmente gradita è stata la presenza della classe V C dell’Istituto Comprensivo, accompagnata dalle insegnanti di Classe e dall’insegnante di religione Ciro Noviel.

I bambini, abituati a uscire dalla scuola e confrontarsi con situazioni diverse, sono stati molto attenti a cogliere le indicazioni fornite dalle due artiste e interessati al momento della creazione. Giuliana e Carla avevano già esposto in Biblioteca, in anni diversi e ora spesso fanno mostre insieme, accomunate dalla stessa passione per l’arte.

A Carla, anni fa, in occasione di un acquisto presso un negozio di Borgomanero, fu regalato un piccolo uovo di porcellana: “Le porterà fortuna”, e così è stato, da quel momento ha cominciato a dipingere uova: piedini e cappello bastavano per diventare personaggi. Carla si diverte a sperimentare le tecniche più diverse: dall’olio, all’acrilico, dalla matita all’acquerello, al pastello e pastello oleoso, utilizzando carta, tela, o altri supporti.

Questo genere di pittura ha avuto molto successo ed un quadro è stato anche comperato da signori australiani, che erano di passaggio a Guardabosone: “Sono contenta che le mie uova prendano la loro strada e vadano per il mondo”. Giuliana, insegnante di arte al Liceo, è sempre stata affascinata dalla bellezza, ma è entrata per caso nel fragile mondo delle porcellane: “Tredici anni fa frequentai un corso di pittura su porcellana a San Maurizio d’Opaglio: da allora non ho mai smesso di imparare, cimentandomi nelle tre principali tecniche: classica, a olio molle, o espressionista, che permette forme meno definite e più ariose e Scandinava, per la quale non si usano pigmenti con oli, ma delle vernici: i “lustri”, che vengono stesi sull’oggetto in maniera casuale, creando delle forme astratte. Il colore varia con la cottura, quindi si deve essere molto attenti nelle scelte”. E’ stata spiegata la differenza tra ceramica, maiolica e porcellana: tre espressioni della stessa combinazione di materia, argilla più acqua, ma la porcellana è la più preziosa: “Fragile, dura, translucida, simile al vetro”.

Il nome deriva da quello di un mollusco con un guscio translucido bianco, che ha una forma arrotondata che lo fa assomigliare ad un maialino. Giuliana ha ricordato che un tempo esisteva la “Via della porcellana”: “Il mito della porcellana nacque in Europa durante il XIII secolo, quando i primi intraprendenti mercanti europei, fra i quali va ricordato il veneziano Marco Polo, decisero di tentare l’avventuroso viaggio verso le terre lontane della Cina e al loro ritorno, insieme a sete pregiate e spezie, portarono anche alcuni esempi di vasellame eseguito in questo misterioso materiale.

L’ Europa si entusiasmò per questi rari e preziosi oggetti che tra il XV e il XVI secolo iniziarono ad essere importati, prima limitatamente dai portoghesi e, successivamente al 1602, anno in cui venne costituita la "Compagnia delle Indie&quot, sempre più numerosi per soddisfare la crescente richiesta dei raffinati aristocratici europei che morbosamente se li contendevano per le loro eteroclite collezioni racchiuse nei cabinets de curiositées o wunderkammer”.

Le due artiste hanno in comune l’obiettivo di: “Creare abitudine alla bellezza, perché circondarsi anche nel quotidiano di cose belle, oltre che utili, rende la vita più gradevole”.

La mostra sarà visitabile fino a Lunedì 22 aprile aprile negli orari di apertura al pubblico della Biblioteca (dal lunedì al venerdì 14.30 – 18.30; martedì anche al mattino: 9 – 12; sabato 9-12).
La vigilia, Pasqua e Pasquetta: apertura pomeridiana dalle 15 alle 19.

 

Visitatori in mostra
Presentazione mostra

 

 

 

 

 

 

 

Spazio libero su eventivalsesia.info
Tags

Commenta

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker