Bassa ValsesiaEventiNotizie dal territorioRomagnano SesiaRomagnano Sesia

Romagnano: presentata la seconda tappa del progetto “smart learning”

Venerdì 11 febbraio 2022, a Romagnano, presso il Museo Etnografico di Villa Caccia, è stata ufficialmente presentata la seconda tappa del progetto triennale: “Smart learning: apprendere meglio si può, tutti e ora” rivolta agli Istituti Comprensivi di Romagnano e Gattinara, e all’Istituto Sacro Cuore di Romagnano, per l’anno scolastico 2021-2022.

L’iniziativa è stata proposta e finanziata dal Rotary Club Valsesia, con il contributo del R.C. Gattinara e del R.C. Valle Mosso e con il supporto del Distretto 2031: il Rotary Club Valsesia ha impegnato per questo progetto 70.000 euro, suddivisi in tre anni. Con il Presidente Daniele Salezze, si è cominciato a lavorato negli Istituti Superiori di Borgosesia, ora, con il Presidente Paolo Arienta, si coinvolgono gli Istituti Comprensivi di Gattinara e Romagnano e il progetto si concluderà con la Presidenza di Patrizia Rizzolo, che si occuperà delle Scuole varallesi.

Il Presidente del Rotary Club Valsesia, Paolo Arienta, a nome anche della Presidente del Rotary Club Gattinara, Simona Ramella Paia, collegata da remoto, e del Presidente del Rotary Club Vallemosso, Maurizio Ribaldone, ha dato il benvenuto all’Assessore alla Cultura del Comune di Romagnano, Gilberto Agarla, ai tre Dirigenti Scolastici delle Scuole coinvolte nel progetto: Anna Maria Ripamonti, dell’Istituto Comprensivo di Gattinara, Antonella Lora, del Comprensivo “Giuseppe Curioni” di Romagnano e Paolo Usellini, dell’Istituto Parificato Sacro Cuore e agli alunni delle classi IV e V dell’Istituto Sacro Cuore, ringraziando per l’ospitalità il Presidente del Museo, Franco Tinelli, che è anche socio rotariano.

Arienta dopo aver spiegato ai ragazzi che il Rotary è un’Associazione mondiale con trentacinquemila Club e circa un milione di associati, ha sottolineato l’attenzione volta a rafforzare e valorizzare i patrimoni attraverso progetti rilevanti per la Comunità, di tipo culturale o sociale. Questo importante progetto sulla scuola è nato per favorire un vero processo di innovazione nell’insegnamento, dove la tecnologia sia a supporto degli studenti e del loro apprendimento. I partner coinvolti quest’anno sono la Società 2000 NET Srl , Microsoft, Google e Samsung Italia.

Relatori del progetto sono stati Patrizia Rizzolo, che è stata Dirigente Scolastico all’Istituto Comprensivo di Varallo e l’ingegnere informatico Nino Olivotto, che ha lavorato per molti anni alla Microsoft.

Patrizia Rizzolo ha esposto in modo concreto ed accattivante la motivazione e gli scopi del Service, sottolineando il ruolo dell’istruzione, come strumento di emancipazione, ed il grosso investimento formativo fatto dal Rotary, attraverso l’acquisto delle tecnologie e la formazione dei docenti, che ricadrà positivamente sugli alunni: “Negli ultimi anni si è
passati dalla scuola di contenuti alla scuola di metodo, che aiuta i ragazzi a pensare ed a sviluppare quelle competenze, individuate dall’Unione Europea, come indispensabili per costruire il futuro, perché la scuola è
un’opportunità per diventare adulti consapevoli, soddisfatti e felici e la tecnologia è il nastro trasportatore del cambiamento”.

Il Rotary, con il progetto Smart Learning ha anticipato il PNRR, Piano Nazionale Resilienza e Ripresa, in cui sono stati stanziati settantanove miliardi per l’istruzione e per attuare la transizione digitale delle scuole.
Nino Olivotto ha completato il discorso illustrando i contenuti e le strumentazioni che saranno messi a disposizione delle scuole: hardware, software, connettività ed assistenza tecnica, occupandosi anche della formazione degli insegnanti e mettendo a disposizione un numero telefonico dedicato al quale ci si potrà rivolgere per qualsiasi richiesta.

Il progetto triennale coinvolge undici plessi, ottanta insegnanti e trecentotrenta studenti: “E’ stata creata la parte digitale in aula, utilizzando gli strumenti più avanzati, tra i quali un monitor Multi-Touch 65 Smart Samsung F2 di ultima generazione, una finestra sul mondo aperta in modalità interattiva: sarà come essere al centro di Milano, o a
New York”.

Luca Rossi della 2000 Net ha parlato della formazione dei docenti, partita ad ottobre, che si concluderà a febbraio, con l’obiettivo di agevolare il lavoro quotidiano, utilizzando gli strumenti tecnologici più avanzati, ricordando che ad aprile seguirà un intervento in presenza di Cybersecurity, con gli studenti e gli esperti di Microsoft e Sycint.

Al termine dell’incontro i tre Dirigenti Scolastici hanno espresso la loro soddisfazione per essere parte del progetto, nel quale sono stati coinvolti fin dalle fasi iniziali, ed hanno sottoscritto la Convenzione con il Rotary. E’ stato chiesto al Club di Servizio valsesiano di coinvolgere anche le Biblioteche del territorio, poiché esse contano tra i loro principali utenti gli studenti.

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button