EventiMedia ValsesiaSerravalle Sesia

Serravalle: La chiesa di San Martino si trasforma in Presepe

All’interno della chiesa di San Martino, oggetto di cure ed attenzioni da parte dei Serravallesi, che la considerano un’oasi di serenità nei momenti del dolore causato dal distacco dai propri cari, Athos Fecchio e la moglie Paola hanno ricreato l’atmosfera carica di teatralità del presepe napoletano, dove non venne più rappresentata la sola grotta della Natività, ma anche il mondo profano esterno, la quotidianità che animava piazzette, vie e vicoli.

Apparvero in quel presepio statue di personaggi del popolo come i nani, le donne con il gozzo, i pezzenti, i tavernari, gli osti, i ciabattini:
la rappresentazione degli umili e dei derelitti, le persone tra le quali Gesù decise di nascere. Particolarmente significativa era stata anche l’aggiunta dei resti di templi greci e romani per sottolineare il trionfo del cristianesimo sorto sulle rovine del paganesimo.

PRESEPE SAN MARTINO

Il “nostro” presepe rappresenta un momento di vita contadina all’interno di una modesta stalla dove la Sacra Famiglia ha trovato accoglienza. Sotto la travata la stalla è fiocamente illuminata da un lume, ma una gran luce irradia dalla paglia dove Gesù spalanca le sue braccia al mondo, con alle spalle una scala a pioli appoggiata al muro per suggerire l’idea del salire, raggiungendo la mensola con la voliera per gli uccelli, aperta, per liberarsi da ogni condizionamento e alzare canti di lode al Re del mondo. I contadini, i pastori e le donne del villaggio, abbandonati gli attrezzi utilizzati per i lavori quotidiani, accorrono per adorare il piccolo Gesù: i ricchi, i potenti sono nelle loro case dove la melodia divina fatica a penetrare.

Accanto alla stalla c’è il mondo, con le sue strade che a volte non conducono da nessuna parte, ma i Re Magi sono saggi e si concedono un momento di sosta per loro, ma anche per i loro animali, per riflettere sul senso del cammino: il viaggio è ancora lungo prima di poter prostrarsi davanti al Signore.

Il presepe è visitabile ogni giorno, proviamo anche noi a trovare la strada del cuore per raggiungerlo.

Piera Mazzone

PRESEPE SAN MARTINO
Tags

Commenta

Back to top button
Close