Alta ValsesiaAlto SermenzaEventiFobelloNotizie dal territorioVaralloVarallo

Valsesia: parte il progetto “Spazi comuni”

Il coworking con vista

Valsesia resiliente: parte il progetto “Spazi Comuni”  

 

 

Tutta la bellezza della natura, lontani dall’inquinamento e dal traffico delle grandi città, e la comodità di un ufficio con vista sulle montagne. 

La pandemia da Covid 19 ha accelerato in Italia la transizione verso il lavoro a distanza,  provato anche da chi prima non sapeva neanche cosa fosse. Nel giro di pochi mesi il termine ‘smart working è diventato di uso quotidiano: basta un computer connesso a internet per poter svolgere le proprie attività in qualsiasi luogo.

E allora perchè non scegliere di lavorare immersi nella natura della Valsesia?  

 

Nasce così il progetto “Spazi Comuni” : l’idea è di adibire i locali di alcuni comuni a uffici condivisi. Postazioni wi-fi vista montagne, il fascino di edifici d’epoca e scrivanie a due passi dai boschi. 

 

L’apertura di spazi di coworking nei comuni di Alto Sermenza, Fobello e Varallo ha come obiettivo quello di offrire un nuovo servizio per i cittadini e promuovere il territorio per accogliere i lavoratori “da remoto”. Le scrivanie “comuni” vogliono essere un supporto per i giovani professionisti locali per iniziare la loro attività; mentre per i turisti smartworker possono essere il punto di partenza per scoprire le meraviglie del territorio.  

La volontà dei sindaci che hanno aderito al progetto è quella di sostenere iniziative per costruire una visione innovativa delle aree interne. Il gruppo di lavoro ha l’obiettivo di rendere il territorio sempre più smart e sostenibile, creare nuove occasioni di sviluppo, culturali e ricreative, contribuire ad abbattere le barriere che ne impediscono la fruizione, a cominciare dal digital divide.

Il sindaco di Varallo, Eraldo Botta si dichiara entusiasta del progetto « quando ci è stato presentato e ne abbiamo parlato, sia io che l’Assessore alla Cultura Alessandro Dealberto, particolarmente aperto ad ogni iniziativa capace di valorizzare il nostro territorio e di renderlo ancor più attrattivo, lo abbiamo seguito  nel suo evolversi,  consapevoli che potrà essere una straordinaria opportunità per residenti e turisti, soprattutto nel delicato momento storico che tutti stiamo vivendo”.

Per il sindaco di Fobello, Anna Baingiu « partecipare al progetto Spazi Comuni è  un’altra occasione dopo la didattica a distanza dello scorso inverno. Nel bel mezzo del Covid con le scuole chiuse e la poca linea internet nel mio piccolo comune, la nostra Sala Consiglio aveva messo a disposizione computer e linea per i piccoli cittadini. Esperienza riuscita, nel frattempo grazie a Eolo e Tim siamo riusciti a potenziare il segnale. Adesso mettiamo a disposizione la nostra Sala  con vista panoramica, degli adulti che verranno a Fobello per ammirare le bellezze del piccolo borgo,lavoro e relax contemporaneamente. Passeggiate,natura,storia, relax,piccoli laboratori con prodotti eccellenti, strutture ricettive vi aspettano . » 

 

Anche il sindaco di Alto Sermenza, Giuliana Marone, conferma l’euntusiasmo per l’iniziativa : « Il nostro comune ha accolto con piacere l’iniziativa di sostenere i professionisti locali e di accogliere turisti smartworker nella splendida località di Rima, paese di fondovalle a 1417 m.t, che offre la possibilità di conciliare lavoro e svago, in particolare per chi ama la montagna. Vi attendono escursioni nel Parco Alta Valsesia alla scoperta di paesaggi, flora e fauna, visite alla gipsoteca, al laboratorio del marmo artificiale di Rima, alle chiese per scoprire l’arte e l’artigianato, le tradizioni e l’architettura Walser. A pochi chilometri il lago di Rimasco, dove poter pescare e/o provare la discesa adrenalinica in Funbob, il più ripido d’Europa. L’idea è quella di incentivare un maggior utilizzo delle seconde case per chi già frequenta i nostri borghi montani e di allungare il periodo di permanenza in loco per il turista del weekend, in modo da supportare anche le attività ricettive aumentando le presenze sul territorio »

L’utilizzo degli spazi messi a disposizione dai comuni per le finalità del progetto sarà gratuito. L’accesso agli spazi di coworking sarà concesso previa prenotazione tramite email e successiva conferma della disponibilità. 

 

Tutte le informazioni sul servizio saranno disponibili sui siti dei singoli comuni e sulla pagina FB « Spazi Comuni – coworking in Valsesia » . Per i comuni che volessero aderire all’iniziativa scrivere a spazicomuni.coworking@gmail.com

Guarda tutto

Commenta

Back to top button