Alta ValsesiaEventiVarallo

Varallo, domenica 15 Gennaio: “La mossa del Cavallo” terzo appuntamento con la rassegna Un incantevole XXV Aprile

Rassegna biblio-cinematografica

Terzo appuntamento della rassegna dedicata alla mafia in letteratura proposta dall‘associazione culturale Fiorile e Messidoro: lettura interpretata di brani del libro (leggono: Anna Tosi, Elena Orsolano, Laura Cairo, Sara Montanari) e spezzoni del film, con la regia di Costanza Daffara e il supporto tecnico di Luigi Gabriele Smiraglia.

DOMENICA 15 GENNAIO ALLE ORE 17,30 presso il Salone XXV Aprile in via D’Adda, andrà in scena: “LA MOSSA DEL CAVALLO” di ANDREA CAMILLERI.

E’ uno dei più intelligenti, spassosi, esemplari romanzi di Camilleri, pubblicato per la prima volta nel 1999 e oggi considerato un «classico». Ispirato da un fatto di cronaca realmente accaduto a Barrafranca (Enna) nel XIX secolo.Una peculiarità di alcuni romanzi di Camilleri è l’uso di un particolare linguaggio commisto di italiano e siciliano.Per poter essere compreso da tutti non poteva esprimersi completamente in siciliano, pertanto occorreva adottare un linguaggio equilibrato dove i termini dialettali avessero la stessa qualità e significanza, la stessa risonanza di quelli italiani.

Siamo nel 1877. Il quarantenne Giovanni Bovara è il nuovo ispettore capo ai mulini, incaricato di far rispettare l’invisa tassa sul macinato. Siciliano di nascita, è ormai ligure di adozione poiché da bambino si è trasferito con la sua famiglia a Genova. Ragiona e parla come un uomo del nord-Italia e non comprende le dinamiche mafiose e omertose che regolano la terra siciliana. La sua intransigenza gli procura subito diversi nemici. Le sue indagini lo portano a scoprire prima un ingegnoso sistema con il quale i mugnai vengono lasciati liberi di evadere la tassa sul macinato e poi l’esistenza di un mulino clandestino nel terreno dell’uomo più potente della città. A poco a poco le spire del “sistema” gli si stringono intorno e quando sopraggiunge per caso sul luogo dell’omicidio del parroco della città, Bovara si ritrova suo malgrado invischiato in qualcosa molto più grande di lui. In un complicato sistema di depistaggi e giochi di potere, i suoi avversari cercheranno di eliminarlo e sarà solo entrando nella mentalità dei suoi aguzzini e ricorrendo alle loro stesse strategie che Bovara riuscirà a salvare la propria vita.

La sceneggiatura del film, che riprende la trama dell’omonimo libro di Camilleri, è scritta dallo stesso Camilleri insieme a Francesco Bruni e Leonardo Marini. È la prima trasposizione televisiva di un romanzo storico dello scrittore. 

Ingresso libero.
INFO: fiorilemessidoro@gmail.com

 

Guarda tutto

Guarda altre notizie

Lascia il tuo commento

Back to top button