Alta ValsesiaEventiVarallo

Varallo sabato 8 Ottobre: premiazione EUROFLORA 2022

Si terrà sabato 8 ottobre, alle ore 18, nel Centro Congressi di Varallo, in Valsesia, la premiazione delle aziende florovivaistiche piemontesi vincitrici dei concorsi di Euroflora 2022, XII edizione della mostra internazionale del fiore e della pianta ornamentale, svoltasi a Genova nei Parchi e nei Musei di Nervi dal 23 aprile all’8 maggio.

La serata si aprirà con i saluti del sindaco di Varallo, Pietro Bondetti, e con l’intervento dell’assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte Marco Protopapa. A seguire Sergio Ferraro, presidente di Asproflor, l’associazione che ha coordinato la partecipazione dei florovivaisti piemontesi in collaborazione con l’Associazione Biellese Floricoltori Vivaisti, CIA Confederazione agricoltori Piemonte, Orticola Verbanese, Mercato Ingrosso Fiori di Torino, Associazione Italiana Centri Giardinaggio, Confcooperative Piemonte Fedagri e Confagricoltura Piemonte. “Condivisione, impegno, passione – la Regione Piemonte ad Euroflora”, sarà il titolo dell’intervento di Luciano Ardizzoia, presidente dell’associazione Orticola Verbanese.

 

Momento cardine della serata, alla quale parteciperà il direttore di Euroflora Rino Surace insieme ad alcuni membri dello staff della manifestazione, sarà la consegna dei riconoscimenti: il Piemonte ha ottenuto ad Euroflora tre primi premi, sette secondi e un premio speciale.

In particolare i riconoscimenti riguardano le collezioni di acer, la begonia semperflorens e la più bella ed originale opera in mosaicoltura, che hanno ottenuto i tre primi premi di settore.  Secondo premio al Piemonte invece per la lantana camara, il punicagranatum, l’acerpalmatum, rhododendron, phormiumtenax, l’eleagnusebbingeie quello per la più bella, artistica e assortita realizzazione di una parete fiorita di verde verticale. Al Piemonte anche il premio speciale “per l’esposizione che sappia esprimere un’idea attraverso un’armonia d’insieme, realizzata con piante, fiori e complementi d’arredo – Premio Gigliola Genta”. Dopo la consegna dei riconoscimenti, la serata si concluderà con una cena di gala preparata dagli studenti dell’istituto alberghiero G. Pastore di Varallo.

La scelta di Varallo, capoluogo della Valsesia, non è casuale. La città di Varallo aderisce infatti dal 2006 alla rete Asproflor “Comuni fioriti” dal 2006 e ha ottenuto nel 2018 il quarto fiore rosso, nel 2019 il premio UNCEM – Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani e nel 2021 il massimo riconoscimento, il Marchio di Qualità dell’Ambiente di Vita. Restando in tema di turismo ambientale Varallo è poi una delle 262 località italiane che hanno ottenuto la Bandiera Arancione, il marchio del Touring Club Italiano assegnato ai borghi dell’entroterra che godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio e sanno offrire al turista un’accoglienza di qualità. E a Varallo proprio il finesettimana dell’8 e 9 sarà dedicato alla Festa Nazionale del PleinAir, l’iniziativa firmata Bandiere Arancioni e Touring Club.

Un’occasione in più quindi per visitare la città. All’ingresso s’incontra la Chiesa dedicata alla Madonna di Loreto, affrescata da Gaudenzio Ferrari e proseguendo l’antica chiesa di San Marco, dichiarato Monumento Nazionale, arricchita dagli affreschi del Luini.

Il centro storico di Varallo si apprezza con una passeggiata a piedi all’interno delle “vecchie contrade”, dove s’incontrano negozi tipici con prodotti artigianali. Palazzo dei Musei ospita la Pinacoteca ed il Museo di Storia Naturale, intitolato a Don Giacomo Calderini, mentre la Biblioteca Civica “Farinone-Centa” ha sede nel cinquecentesco Palazzo Racchetti, che si affaccia su Via Umberto I. Nella centrale Piazza Vittorio si affaccia l’imponente Collegiata di San Gaudenzio ed il Teatro Civico. Proseguendo lungo Via Roma si possono ammirare numerose ville liberty, sedi del Comune, dell’Unione Montana, e di altre istituzioni pubbliche.

La città vanta un sito Unesco di grande bellezza: il complesso monumentale del Sacro Monte, il più antico dei Sacri Monti, ideato da Bernardino Caimi alla fine del Quattrocento, collegato con la città da una funivia, oltre che da una comoda strada carrozzabile.

La premiazione di Euroflora si svolgerà al Centro Congressi di Palazzo d’Adda, al di là del “ponte de Varade”, che collega le due sponde del Mastallone. Il Palazzo Scarognini d’Adda – che oggi è adibito ad attività espositive e ospita anche il Museo della Pesca – è il più importante e prestigioso edificio civile di tutta la Valsesia, sorto in una posizione strategica, dalla complessa struttura architettonica, più volte rimaneggiata nel corso dei secoli (quasi un palinsesto), in cui soggiornarono personaggi d’altissimo rango, basti citare San Carlo Borromeo. Il prestigioso Istituto Alberghiero G. Pastore nacque come Splendid Park Hotel, centro idroterapico famoso durante la Belle Epoque: la cena di gala sarà ospitata nella storica Sala dei Banchetti.

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button