EventiEventi dintorni ValsesiaVerbano-Ossola

Verbania dal 21 Settembre: al via il Festival LetterAltura. Anteprime già dal 24 Agosto

Dal 21 settembre al via il Festival Lago Maggiore LetterAltura 2022:
tema della sedicesima edizione “corpo corsa cammino pensïero”.

Tra gli ospiti più attesi: Enzo Bianchi, Gioele Dix, Fabrizio Gatti,Carlo Bonini, Takoua Ben Mohamed e il Colonnello Mario Renna.
Incontri, passeggiate letterarie e laboratori per i più piccoli con ilFESTIVALleSCUOLE.

Dal 24 agosto al 10 settembre “Aspettando il Festival” tra libri, film e concerti. Chiude la stagione, dal 23 ottobre al 18 novembre, la seconda edizione di FestivalPOST.

È in programma da mercoledì 21 a domenica 25 settembre la nuova, attesa edizione del Festival Lago Maggiore LetterAltura. Una rassegna come sempre ricca, con oltre 30 appuntamenti nel corpo centrale, cui si aggiungono altri 35 imperdibili eventi tra ilFESTIVALleSCUOLE, per studenti e docenti delle scuole del territorio, e quelli contenuti nell’anteprima di Aspettando il Festival, senza dimenticare il programma – ancora in via di definizione – dell’appendice autunnale di FestivalPOST.

È il corpo il fil rouge che unisce il calendario di incontri, spettacoli, concerti, film e presentazioni che l’Associazione LetterAltura – presieduta da Amadio Taddei e con il coordinamento culturale di Michele Airoldi – ha messo a punto anche grazie al sostegno di Regione Piemonte, Comune di Verbania, Fondazione CRT, Fondazione Comunitaria del
VCO ed Ente Giardini Botanici di Villa Taranto.

Sede del Festival sarà, insieme al Teatro Il Maggiore per gli eventi clou, Villa Giulia: da qui LetterAltura si sposterà, specie durante gli eventi d’anteprima e per quelli autunnali, in altre sedi più o meno periferiche per portare i propri tasselli di cultura anche nelle frazioni e in altri luoghi della città. Da Casa Ceretti, fino alle frazioni di Trobaso e Fondotoce: un festival itinerante, dunque, e non potrebbe essere altrimenti, visto il tema centrato sul corpo che cammina, che corre e che si apre al pensiero.

In questa edizione viene confermato ilFESTIVALleSCUOLE, la ricca sezione dedicata ai giovani – e agli insegnantidelle scuole, con appuntamenti in programma tra settembre e novembre in quasi tutti gli istituti scolastici del VCO: incontri con gli autori, tavole rotonde, attività di laboratorio saranno affiancati da eventi specifici previsti per i
bambini delle scuole primarie e i ragazzi delle scuole medie verbanesi.
Il ricco programma di Lago Maggiore LetterAltura 2022 è online su www.associazioneletteraltura.com, aggiornamenti anche su www.facebook.com/letteraltura e su www.instagram.com/letteraltura/.

“La nostra Associazione conferma la volontà di diffondere sempre più le proprie attività, tanto nei luoghi – con una presenza capillare in varie sedi della città di Verbania – quanto nel tempo, grazie ad una programmazione che copre quasi tutto l’anno, dalla primavera all’autunno – afferma il presidente dell’Associazione LetterAltura, Amadio Taddei – confermando un numero considerevole di appuntamenti, senza mai perdere di vista la qualità dell’offerta
culturale di LetterAltura.”

Saranno moltissimi gli spunti che, fin dagli eventi di Aspettando il Festival, a cavallo tra agosto e settembre, guideranno il pubblico ad approfondire il tema scelto per questa edizione: incontri con autori, presentazioni di libri, ospiti prestigiosi e testimonianze dirette, film, escursioni e spettacoli.

IL PROGRAMMA DI ASPETTANDO IL FESTIVAL
Gli eventi che anticipano il cuore del festival partiranno il 24 agosto e si terranno in varie sedi a Verbania e nelle sue frazioni, per unire simbolicamente la città grazie a una dozzina di incontri e spettacoli, arricchiti da golosi aperitivi con l’autore realizzati da: ACPicchia Bar (per l’incontro a Villa Giulia a Verbania Pallanza), Casa Ceretti Caffetteria di Quartiere (per gli incontri a Casa Ceretti a Verbania Intra), Gruppo sportivo di Fondotoce (per l’incontro al Parco giochi a Fondotoce), Associazione La Gèra di Trobaso (per l’incontro a Trobaso), sempre con
menu a 10 euro e con prenotazione richiesta ai numeri 0323 581233 o 333 6519885 o all’inizio degli incontri delle 18 o 18.30.

Tutti gli eventi di Aspettando il Festival sono gratuiti e daranno al pubblico la possibilità di incontrare ospiti importanti e lasciarsi coinvolgere da argomenti stimolanti legati al tema del corpo: dopo la bicicletta del 2021, ora si lascia spazio al “grado zero” dei modi umani di spostarsi e viaggiare, la corsa e il cammino, che a sua volta apre
alla dimensione del pensiero.

Aspettando il Festival partirà alle ore 18 di mercoledì 24 agosto, a Villa Giulia di Verbania Pallanza, con la presentazione del libro edito da CreateSpace Independent Publishing, Il testamento del maratoneta. Una storia vera dello scrittore, giornalista e sceneggiatore Manuel Sgarella. Alle ore 19.30 aperitivo su prenotazione all’ACPicchia Bar di Villa Giulia. La serata proseguirà alle ore 21 nel salone della Villa, con la proiezione del film Momenti di gloria di Hugh Hudson.

Sabato 27 agosto, alle ore 18, Casa Ceretti a Verbania Intra ospiterà il dialogo tra Letizia Romerio Bonazzi e Yvonne Rossi, curatrici del libro Noi, di donne e di coraggio. L’incontro è realizzato in collaborazione con l’Associazione Non Solo Aiuto OdV, che è anche editrice del volume e che devolverà il ricavato del libro all’Associazione Linea d’Ombra, attiva da anni a Trieste in soccorso ai profughi che attraversano la rotta balcanica.Si rimane a Casa Ceretti per l’aperitivo con le autrici (su prenotazione), per poi assistere, alle ore 21, al concerto di Jumpin’ Pumpinks – Acoustic Mood Trio con la voce di Lorena Gioia, Roberto “Billi” Billiani al basso, Alberto Bregoli alla chitarra, special guest Marcus Tondo all’armonica.

Il corpo e la Parola (Qiqajon – Monastero di Bose, Magnano) è il libro protagonista dell’incontro – realizzato in collaborazione con l’Associazione culturale don Girolamo Giacomini – in programma mercoledì 31 agosto alle ore 18 a Casa Ceretti a Verbania Intra: il pubblico di LetterAltura potrà incontrare l’autrice, la biblista Rosanna Virgili, che si fermerà a Casa Ceretti per il consueto aperitivo conviviale aperto a tutti (su prenotazione). A seguire, alle ore 21, la proiezione del film Ti porto io di Chris Karcher e Terry Parish.

Aspettando il Festival si sposterà sabato 3 settembre, alle ore 18, a Fondotoce (sede dell’incontro sarà il parco giochi adiacente al campo sportivo, in caso di pioggia la Casa della Resistenza) per la presentazione del libro Non mancherò la strada. Cosa può insegnarci il cammino di Luigi Nacci (Laterza). Dopo il dialogo, l’autore triestino condividerà con il pubblico un aperitivo (su prenotazione) curato dal Gruppo sportivo di Fondotoce; alle ore 21 la serata proseguirà al Campo sportivo di Fondotoce con il coinvolgente concerto di Standard Jazz e World Music, protagonista The Dinamic duo, con Renato Pompilio, chitarra, e Giancarlo Salaris, fisarmonica.

Mercoledì 7 settembre, alle ore 18 a Casa Ceretti, Verbania Intra, presentazione del libro e incontro con gli autori di Corsica nascosta – 24 escursioni e un viaggio con la Ferrovia della Corsica (Ediciclo) di Albano Marcarini e Tullio Bagnati. Dopo l’aperitivo a Casa Ceretti Caffetteria di Quartiere, alle ore 21 il pubblico potrà assistere alla proiezione di Wild di Jean-Marc Vallée.

L’ultimo fine settimana di Aspettando il Festival prevede tre eventi diffusi, tra le frazioni verbanesi di Fondotoce e Trobaso. Si inizia venerdì 9 settembre, alle ore 18, a Fondotoce, presso la Casa della Resistenza – porta d’accesso di Verbania e luogo-memoria-anima dell’identità cittadina – con la presentazione del libro Camminare l’antifascismo. La memoria come ribellione all’ordine delle cose di Lorenzo Guadagnucci (Edizioni Gruppo Abele). All’incontro, realizzato in collaborazione con l’Associazione Casa della Resistenza, partecipa anche Martina Fabbri, autrice del libro A piedi sulla Linea Gotica, (Andrea Pacilli Editore).

Sabato 10 settembre, alle ore 18.30, presentazione del libro Sul confine. In cammino tra Italia e Svizzera dal Sempione alla Formazza (MonteRosa edizioni) di Alberto Paleari: l’incontro con l’apprezzato scrittore e guida alpina si terrà nel cortile presso la Chiesa Parrocchiale in via Repubblica 266 a Trobaso (in caso di pioggia nel salone parrocchiale). Subito dopo l’aperitivo delle ore 19.30, preparato dall’Associazione La Gèra di Trobaso, sempre il cortile presso la Chiesa Parrocchiale (in caso di pioggia il salone parrocchiale) accoglierà le note e le narrazioni di Walter Bonatti: Parole in concerto con Natalia Ratti, musicista di professione, montanara per passione.

IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL LAGO MAGGIORE LETTERALTURA 2022.

Il corpo centrale del festival Lago Maggiore LetterAltura prevede una giornata di anteprima sabato 17 settembre ed una postilla mercoledì 28 settembre.

Alle ore 15 del 17 settembre partirà da Ceredo – con meta il Sacro Monte patrimonio Unesco – la camminata poetica con Lino Pasquale Cacciapaglia. Alle ore 18 della stessa giornata, presso la sede di Verbania Intra della Società Operaia di Mutuo Soccorso, incontro con le autrici Sofia Assirelli e Cristina Portolano per la presentazione del libro Tettonica, edito da Feltrinelli.

Il titolo tematico (ed endecasillabo) scelto dall’Associazione LetterAltura per l’edizione 2022 del Festival è corpo corsa cammino pensïero: a questi spunti si collegheranno i diversi eventi, soprattutto le presentazioni di libri con la presenza degli autori, ma anche le conferenze e gli spettacoli teatrali.

Mercoledì 21 settembre alle ore 17 inaugurazione del Festival a Villa Giulia con i saluti istituzionali; alle ore 18 è in programma il concerto del complesso musicale Şerefe, che si propone come un brindisi (è proprio il significato letterale di şerefe, dal turco / e eˈfe/) al viaggio e alla sua universalità. A proposito di brindisi, seguirà, alle ore 19 la
degustazione Vini in cammino a cura di AIS Piemonte. Alle ore 21 Daniele Ventola presenterà al pubblico di LetterAltura Vento della seta. Un cammino antropologico da Venezia alle porte dell’Oriente (Ediciclo): un lungo viaggio a piedi, un cammino di due anni e 12.000 km fino ai margini della Cina, l’avventura straordinaria di un novello Marco Polo che supera i confini.

Giovedì 22 settembre al via il corpo centrale del Festival Lago Maggiore LetterAltura, nella sede di Villa Giulia, a Verbania Pallanza. Alle ore 14.30 incontro con l’autore e presentazione del libro Errante (AnimaMundi edizioni) di Emiliano Cribari: un diario di viaggio, felicemente macchiato dal fango di migliaia di chilometri a piedi, di incontri e suggestioni. Alle ore 15.45 Voci dal silenzio. Un viaggio tra gli eremiti d’Italia (TEA) di Alessandro Seidita e Joshua Wahlen: gli autori porteranno il pubblico lungo la penisola per raccontare l’esperienza eremitica contemporanea attraverso storie di uomini e donne che cercano di recuperare il senso profondo di sé e della vita.
L’appuntamento successivo, alle ore 17, realizzato in collaborazione con l’Associazione Camminare insieme, metterà a confronto gli ultimi libri di Alessandro Capriccioli e Alessia Ferri, rispettivamente Tre metri quadri. Quattro anni di visite in carcere (People) e Non siete stato voi (People), entrambi dedicati al mondo delle carceri italiane, tra annosi problemi di sovraffollamento e episodi di violenza. Le lotte dei corpi femminili permeano le pagine di Campo di battaglia, libro edito da Effequ e scritto da Carolina Capria, un percorso fatto di compromessi,
contraddizioni e imperfezioni. Se ne parlerà nell’incontro delle ore 18.15. Chiude la prima intensa giornata di Festival l’incontro con l’autore Sergio Valzania, in occasione della presentazione del suo ultimo libro edito da Ediciclo, Mai lasciare lo zaino vecchio per quello nuovo. E altre spassose storie in cammino: protagonista di questo libro è uno zaino, che accompagna l’autore lungo vie storiche e cammini, tra riflessioni e tentazioni… di sostituirlo.

La giornata di venerdì 23 settembre si apre alle ore 10.30, sempre a Villa Giulia, con il poeta Giorgio Luzzi: Non tutto è dei corpi (Marcos y Marcos) è una raccolta poetica, un ventaglio tematico più che mai ispirato all’attualità e ai rivolgimenti che coinvolgono il tempo in cui viviamo. Seguirà, alle ore 11.15, la presentazione di A ciascuno il suo
cammino. Scegliere un viaggio a piedi in Italia (Ediciclo) del giornalista e fotografo Fabrizio Ardito, una guida utile a scegliere uno dei grandi viaggi a piedi che il Belpaese ci offre. Gli eventi pomeridiani cominceranno alle ore 14.30 con Marika Ciaccia: con una diagnosi di trombosi venosa profonda e un’embolia polmonare gravemente
invalidanti, Marika è riuscita a reagire e il cammino è stata la sua salvezza. Ne parla nel suo libro La felicità ai miei piedi. L’avventura di una trekker per caso (Edizioni Terrasanta). Alle ore 15.45 torna ospite a LetterAltura Cristina Noacco per presentare La via del Torre. Il fiume delle sorprese tra forre, anfratti, grotte e grave (Ribis), un viaggio dentro e accanto al fiume Torre che permette di scoprire la ricchezza del territorio attraversato e di meditare sulla poesia, sulla spiritualità e sulla simbologia del corso d’acqua. Stefano Catone alle ore 17 presenterà Camminare. Lungo i confini e oltre (People). Non un saggio, nemmeno un racconto, questo libro è un sentiero di montagna, con cui l’autore ci guida lungo i “confini naturali”, attraverso percorsi che il lettore può calpestare insieme a lui. Uno dei due appuntamenti organizzati in collaborazione con il CAI chiude, alle ore 18, il pomeriggio della seconda giornata di LetterAltura 2022: Caterina Soffici presenterà – in un dialogo con il Presidente del Club Alpino Italiano Antonio Montani – il suo Lontano dalla vetta (CAI). Libro ironico, intelligente, in cui l’autrice, senza edulcorare la montagna, ne racconta le difficoltà, gli imprevisti di una cittadina finita per caso a trascorrere una pandemia in quota.
Per l’appuntamento serale il Festival si trasferirà nel foyer del Teatro Il Maggiore di Verbania: alle ore 21.15, in collaborazione con le sezioni locali dell’Associazione Nazionale Alpini, si terrà l’incontro con il Colonnello Mario Renna per la presentazione de Il corpo degli Alpini (Rizzoli), un libro che ripercorre i momenti decisivi di 150 anni di
storia, partendo dalla fondazione del Corpo fino ad arrivare ai giorni nostri.

Sabato 24 settembre alle ore 10 si alza il sipario sul weekend di LetterAltura: Veronica Pacini traccia la sua personale geografia de Il corpo della femmina (Fandango), un romanzo di formazione che racconta la vita della protagonista, Erica, dall’infanzia all’inizio dell’età adulta attraverso un filtro particolare, il rapporto con il suo corpo.
Sempre alle ore 10 partirà la camminata letteraria realizzata in collaborazione con il Circolo dei Lettori di Torino: ritrovo alla Stazione ferroviaria di Verbania per arrivare a Mergozzo e percorrere il Sentiero Azzurro in compagnia di don Paolo Scquizzato e Daniela Falconi (voce recitante). Alle ore 11.15, Villa Giulia ospiterà lo storico Paolo Cozzo: ne In cammino (Carocci) l’autore esamina il pellegrinaggio, uno dei fenomeni più radicati e rilevanti nella storia del cristianesimo.
Alle ore 14.30 Camminare nelle scarpe degli altri, con Wolfgang Amadeus Brülhart, Petra Mezzetti e Felice Di Lernia: l’incontro a tre voci prende spunto dai libri del diplomatico Brülhart, Scarpe diem, e da quello dell’antropologo Di Lernia, Eppure il vento soffia ancora. Un’antropologia rapsodica (Bordeaux). Alle ore 15.45 secondo appuntamento in collaborazione con il CAI: Silvia Metzeltin e Linda Cottino incontreranno il pubblico in un dialogo che partirà dal loro ultimo libro edito dal CAI L’alpinismo è tutto un mondo con cui guidano il lettore nell’universo dell’alpinismo fatto di imprese, exploit, conquiste e rinunce, ma anche di amicizie, incontri e riflessioni. Il vice caporedattore di Radio Radicale Roberto Spagnoli tornerà a LetterAltura per presentare il suo ultimo volume Prediche antiproibizioniste, edito da Officina di Hank: alle ore 17 l’autore ne parlerà all’interno di Villa Giulia,
tracciando la storia centenaria delle droghe e il nostro rapporto con il proibizionismo. Alle ore 18.15 salirà sul palco del Festival Fabrizio Gatti per presentare Bilal. Il mio viaggio da infiltrato verso l’Europa (La Nave di Teseo): il giornalista de L’Espresso per quattro anni si è finto migrante clandestino e ha raccolto in questo libro (che diventerà presto una serie tv per Sky) il dramma di chi si mette in marcia per conquistare una vita migliore, in poche parole, la più grande avventura umana del terzo millennio. Alle ore 21.15 l’atteso spettacolo di Gioele Dix presso il Teatro Il Maggiore di Verbania, Ai nostri tempi…: con la sua versatilità Gioele Dix regala una sorta di “lectio magistralis” caratterizzata da ironia e umorismo, riuscendo a mettere d’accordo l’Antico Testamento e gli antichi Greci, Wislawa Szymborska e Giorgio Manganelli, Karl Valentin
e i grandi della letteratura ebraica americana. Il filo conduttore, che è in origine estremamente personale, – una riflessione sull’età avanzata e sull’invecchiamento – prende presto una piega di grande respiro storico, non senza momenti di grande divertimento… Una serata speciale dedicata, con passione e ironia, a tutte le donne e gli uomini che non hanno alcuna intenzione di invecchiare.

L’ultima giornata di Festival, domenica 25 settembre, si aprirà alle ore 10 a Villa Giulia con Carlo Bonini e il suo Il corpo del reato (Feltrinelli) dedicato alle drammatiche vicende della morte di Stefano Cucchi. Carlo Bonini, firma di “Repubblica” e autore di Acab e Suburra, che per sette anni ha seguito da vicino il caso Cucchi, in questo libro mette al centro il testimone primo e ultimo della verità su quanto accaduto: il corpo del reato. Dalle ore 10 alle ore 12 LetterAltura si rimette in cammino, in collaborazione con l’Associazione Psicologi del VCO, con un percorso ad anello in partenza (e arrivo) da Villa Giulia, toccando Villa Taranto e Villa San Remigio, per una passeggiata freudiana guidata da Francesco Marchioro, saggista, storico ed esperto in psicanalisi; spunto sarà anche il suo libro La passeggiata Freud. Camminare, ricordare, sognare (Weger).
Alle ore 14.30 incontro con Anna Fleming, scrittrice e arrampicatrice, che presenterà al Festival il suo Sulla roccia. La mia montagna di parete in parete (Solferino): al racconto sportivo dei successi, dei pericoli, delle difficoltà e degli incidenti che fanno parte dell’esperienza di ogni climber, l’autrice aggiunge un sentimento tutto femminile che porta dentro la rivoluzione rappresentata dalle donne, in un mondo tradizionalmente declinato al maschile. Alle ore 15.45 Mario Casella, giornalista e guida alpina, presenterà al pubblico del Festival il suo recentissimo Senza scarpe (Cappelli), romanzo biografico fatto di solitudine e povertà, ma che documenta anche una vita anomala ed
eccezionale nel Ticino di fine Ottocento e primo Novecento. Alle ore 17 ospite il sociologo e antropologo David Le Breton con La vita a piedi. Una pratica della felicità (Raffaello Cortina editore), tributo al camminatore e ai benefici del cammino, contro la fatica di vivere in un mondo sempre più tecnologico.

Confermata anche nella sedicesima edizione del Festival la collaborazione con l’Ordine degli Architetti e Urbanisti – Novara e VCO: alle ore 18.15 Villa Giulia sarà cornice di un incontro con l’Architetto Cino Zucchi, dal titolo La Teoria della Doccia del Camping – In lode di un’architettura just-out-of-time: pensare a un’architettura just-out-of-time vuole dire anche riflettere sulla lunga durata, sulla plasticità degli ambienti esistenti, sulla rigenerazione delle città, sul riuso, sui cicli di vita dei manufatti. Villa Giulia accoglierà anche una mostra temporanea con alcuni dei progetti più significativi dello studio milanese dell’architetto.

Chiuderà il Festival Lago Maggiore LetterAltura 2022, presso il Foyer del Teatro Il Maggiore, uno degli ospiti più attesi, Enzo Bianchi: monaco cristiano, giornalista e saggista, il fondatore della Comunità monastica di Bose condurrà il pubblico in un personale viaggio sul tema del cammino e della spiritualità. Cammino per raggiungere mete lontane, per viaggiare qua e là o per riscoprire se stessi, in un percorso che non ha fine.

L’appendice del Festival è in programma alle ore 21 di mercoledì 28 settembre, sempre a Villa Giulia: la fumettista italo-tunisina Takoua Ben Mohamed partirà da Sotto il velo (Becco Giallo) per raccontare con ironia la sua quotidianità di ragazza che ha liberamente scelto di portare il velo in Italia, una storia che parla di pregiudizi, stereotipi, razzismo, crescita e amicizia.

In parallelo al Festival, la seconda edizione de IlFESTIVALleSCUOLE proporrà tra il 21 settembre e il 30 novembre numerosi incontri e laboratori dedicati a tutti gli ordini di scuola: ai bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie di Verbania e agli studenti e studentesse di quasi tutte le scuole superiori della provincia del VCO. Molti di questi incontri, come evoca il titolo assegnato a questa sezione, saranno realizzati nelle scuole stesse, quindi a Verbania ma anche a Omegna e Domodossola; per le scuole superiori ci sarà anche un incontro al Teatro La Fabbrica di Villadossola, che i gruppi di studenti di più scuole raggiungeranno compiendo a piedi l’ultimo tratto e vivendo così un’esperienza condivisa di cammino. Per i bambini delle scuole elementari di Verbania sono previste camminate con letture in città e all’interno della Riserva Naturale di Fondotoce in compagnia delle guardie dell’area protetta e di qualificati accompagnatori naturalistici. Le esperienze vissute nel verde, camminando immersi nella natura, saranno poi oggetto di un concorso rivolto alle classi partecipanti.

Anche quest’anno è organizzato per gli aspiranti scrittori il Piccolo Concorso di Scrittura Creativa, giunto alla sesta edizione, al quale si potrà partecipare componendo un breve testo, di qualsiasi genere letterario, che prenda spunto dal titolo tematico corpo corsa cammino pensïero. Infine, oltre alla già citata mostra organizzata con l’Ordine degli Architetti di VCO e Novara, le sale di Villa Giulia ospiteranno anche “0° a 5000 mt”, l’esposizione della fotografa Beba Stoppani dedicata ai cambiamenti climatici in montagna a cura del Museo del Paesaggio; una mostra incentrata sui “Corpi in cammino” allestita con il supporto del CAI Verbano Intra con immagini di camminate e scorci delle montagne del VCO, dal primo ottocento ai giorni nostri. “Non è necessario andare lontano per scattare una buona foto” è l’ultima mostra in calendario, a cura della fotografa Susy Mezzanotte, con immagini tratte dai numerosi festival ed eventi fotografati durante il periodo della
pandemia.

Tutti gli eventi – tranne dove espressamente indicato – saranno ad ingresso gratuito sino ad esaurimento dei posti disponibili. L’ingresso sarà regolato dalle eventuali norme governative per il contenimento del Covid-19 in vigore al  momento dello svolgimento del Festival. Le modalità di ingresso agli eventuali spettacoli a pagamento sono pubblicate sul sito di LetterAltura, nelle singole schede evento.
Il Festival LetterAltura è organizzato anche quest’anno grazie al contributo di Regione Piemonte, Comune di Verbania, Fondazione CRT, Fondazione Comunitaria del VCO, Ente Giardini Botanici Villa Taranto.
Per maggiori informazioni:
www.associazioneletteraltura.comwww.facebook.com/letteraltura – www.instagram.com/letteraltura

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button