BorgosesiaNotizie dal territorio

Borgosesia: boom di iscritti al Centro Estivo.

Ha voluto esserci anche il Sindaco Paolo Tiramani, stamattina, al via del centro estivo di Borgosesia, per augurare buon lavoro (e buon divertimento) ai bambini ed agli animatori.

Il centro estivo durerà 4 settimane, da oggi al 30 luglio, e riprenderà per un’altra quindicina tra il 25 agosto e l’8 di settembre, le sedi dove si terrà sono tre: la Scuola del Centro per primarie e scuole medie, la Scuola dell’Infanzia di Via Partigiani e la Scuola dell’Infanzia di Viale Rimembranze per i bimbi più piccini.

«Abbiamo avuto 204 iscrizioni – dice il Sindaco – un numero elevato, che ci dà la misura del gradimento delle famiglie nei confronti di questo servizio, sia per i contenuti che per i costi. Ci siamo impegnati, come Comune, ad offrire un’opportunità a tutti, tenendo i costi calmierati in modo da configurare un servizio che sia d’aiuto alle famiglie di Borgosesia, senza incidere significativamente sulle loro casse. Per quanto riguarda i periodi – aggiunge
Paolo Tiramani – dopo il full time dello scorso anno, indispensabile in un momento in cui non erano presenti altri centri estivi in città a causa della pandemia, siamo tornati al calendario pre-Covid, visto che il ventaglio di proposte si è nuovamente allargato grazie alle diverse iniziative di privati».

Tema del centro estivo 2021 è “Un viaggio in musica”, vengono proposti giochi, attività sportive, laboratori e arte scenica saranno in chiave musicale, con particolare riferimento alla musica a partire dagli Anni 50 del Novecento. Gli animatori sono professionisti di Ale.Mar, tra di loro ci sono anche esperti nelle arti sceniche e musicali, che coinvolgeranno i bambini in vere e proprie esperienze di spettacolo.

«Ho augurato a tutti buon lavoro – dice il Sindaco – ma soprattutto buon divertimento: speriamo che questa estate 2021 segni finalmente il ritorno alla normalità, alla serena convivenza ed al piacere dello stare insieme, importante a tutte le età ma indispensabile per i nostri bambini, che tanto hanno patito l’obbligo di isolamento degli scorsi mesi».

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button