BorgosesiaNotizie dal territorio

Borgosesia: dal Comune avviata pratica per Corsi scolastici per adulti in cittĂ 

Il Comune di Borgosesia ha sottoscritto la convenzione con il CPIA (Centro Provinciale per l’istruzione degli adulti) per avviare in città un centro di erogazione di corsi per adulti, in modo che chi ne ha bisogno possa conseguire la licenza media o diplomi di secondo grado oppure, nel caso di stranieri, possa accedere a corsi di alfabetizzazione.

«Insieme all’Assessore all’Istruzione Gianna Poletti, all’Assessore ai Servizi Sociali Francesco Nunziata e alla consigliera Liliana Pasqualin abbiamo ritenuto importante sostenere il C.P.I.A. in questo progetto – spiega il Sindaco Fabrizio Bonaccio – consapevoli che sul territorio sia concreta l’esigenza di fornire ai cittadini servizi di istruzione che consentano loro di migliorare la propria posizione lavorativa o la propria inclusività sociale. Al momento tali corsi sono erogati a Vercelli, e dunque molto scomodi per l’accesso da parte dei residenti sul territorio valsesiano, che pure hanno evidenziato un vivo interesse per questo tipo di servizio, come è comprovato dai dati del progetto “La Scuola in Valle”, realizzato lo scorso anno e coordinato dall’Associazione Eufemia».

Con il sostegno del Comune di Borgosesia, il C.P.I.A. presenterà domanda alla Regione Piemonte per poter aprire un centro di erogazione dei propri servizi in Valsesia: la Regione ha tempo fino al 31 dicembre per esprimersi; se la domanda verrà accolta, i corsi potranno partire a settembre 2023, per l’anno scolastico 2023/24 e i successivi.Grazie alla disponibilità del Preside dell’Itis Lirelli, prof. Carmelo Profetto, e della Provincia di Vercelli, il Comune ha individuato i locali dell’Itis come sede delle lezioni.

«Si tratta di un’esigenza chiaramente manifestata da numerosi cittadini – conclude il Sindaco Bonaccio – ai quali la pubblica amministrazione ha il dovere di dare l’opportunità di migliorare la propria condizione. L’ultima parola, ora, spetta alla Regione: ci auguriamo che sia una risposta positiva».

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button