BorgosesiaNotizie dal territorio

Borgosesia: fine della polemica sui fiori al ponte di Aranco

I punti di accesso a Borgosesia si sono colorati con le tinte più vivacigrazie ai fiori che l’Assessore alla Città Fiorita, Eleonora Guida, ha fatto piantumare nelle scorse settimane: un intervento che ha ricevuto tanti complimenti, ma che nel caso dell’esposizione dei vasi sui parapetti del Ponte di Aranco ha creato perplessità in alcune persone, le quali si sono rivolte all’Assessore Guida per chiedere una modifica, prontamente arrivata.

«Se i complimenti mi fanno piacere, reputo le critiche molto costruttive e ne faccio tesoro – dice Eleonora Guida – sul ponte di Aranco avevamo deciso, in accordo con i giardinieri e in linea con quanto previsto dal codice circa le misure di sicurezza e gli spazi sui marciapiedi, di posizionare i vasi all’interno del parapetto, in modo da creare un effetto scenografico molto impattante. In questi giorni ho però ricevuto tante segnalazioni, da parte di mamme preoccupate per i loro bambini e anche da persone disabili timorose di non riuscire a passare agevolmente con le carrozzine e così ho deciso di modificare la posizione dei vasi, per tranquillizzare tutti».

Dalla sera di mercoledì 18 maggio, dunque, i vasi sul ponte di Aranco sono stati esposti esternamente ai parapetti, lasciando completamente libera la sede del marciapiede, come richiesto da coloro che avevano contattato l’Assessore Guida: «Il mio lavoro è essere al servizio dei cittadini –dice l’amministratrice – dunque ho fatto modificare la posizione dei vasi perché i primi ad essere soddisfatti devono essere i borgosesiani. Anche se la precedente posizione era stata frutto di attente valutazioni ed era assolutamente sicura – aggiunge –ho ritenuto doveroso accogliere le richieste dei miei concittadini: l’ingresso da Aranco sarà comunque bellissimo, e la gente sarà più tranquilla».

La modifica, tra l’altro, non ha comportato nessun tipo di spesa da parte del Comune: «Abbiamo un contratto “all inclusive” con i giardinieri, che comprende sia la cura dei fiori che interventi come quello effettuato. Dunque – conclude Guida – tutto a posto: città fiorita e cittadini tranquilli e sicuri, senza costi aggiuntivi».

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button