BorgosesiaNotizie dal territorio

Borgosesia: il Comune pensa ai figli dei lavoratori in zona rossa

Da lunedì saremo in zona rossa e tutte le scuole saranno chiuse, ma i genitori che
lavorano continueranno nella maggior parte dei casi a recarsi nelle fabbriche e negli uffici quindi occorre una soluzione per i bimbi della scuola dell’infanzia e della primaria: «Come abbiamo fatto a maggio 2020dice il Sindaco Paolo Tiramaniancora una volta andiamo in soccorso di quelle famiglie che lavorano: affidare i bambini ai nonni in questo periodo non è consigliabile, trovare una baby sitter è spesso difficile (e comunque costoso) quindi offriamo un servizio di assistenza, con educatori formati, che consentirà alle mamme ed ai papà di andare tranquillamente al lavoro mentre i loro piccoli saranno assistiti ogni giorno dalle 8 alle 18. Il servizio avrà il costo di 10 euro al giorno, oltre alla mensa per la quale varranno ovviamente i buoni usati a scuola».

Il servizio di assistenza scolastica si svolgerà in due sedi diverse: per la Scuola Primaria (elementari) verranno utilizzati i locali della sala conferenze e della ludoteca dello stabile Pro Loco, mentre per la Scuola dell’Infanzia i bambini verranno ospitati nelle palestre Gagliardini, al piano superiore dello stesso stabile.

«In base alle prenotazioni ricevute finora – spiega Donata Ceruti, responsabile dei Servizi Scolasticiabbiamo creato due gruppi da 5 bambini, ciascuno seguito da un educatore, per la Scuola Primaria: i bambini dovranno presentarsi muniti di computer portatile o tablet, oltre che di cuffiette, per lo svolgimento della DAD. Per la scuola dell’Infanzia – continua la funzionaria – si sono formati due gruppi da 4 bambini, ognuno con il proprio educatore, che li intratterrà con attività adeguate alla loro età».

Poiché la chiusura delle scuole riguarderà anche gli Asili Nido, si sta valutando l’ipotesi di offrire un’assistenza anche in quella fascia d’età.

«Il momento è crucialeconclude il Sindaco Tiramani è da un anno che si chiedono sacrifici ai cittadini, alle famiglie ed ai bambini: presto si avvierà la campagna vaccinale “a tappeto” nella nostra città come in tutta Italia, e la speranza è davvero che si possa riconquistare la normalità in tempi accettabili. Invito tutti a collaborare, ancora una volta come abbiamo sempre fatto: il Comune è al vostro fianco».

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button