BorgosesiaNotizie dal territorio

Borgosesia: un grande concerto dell’Orchestra di fiati per la Festa Patronale

La festa patronale di Borgosesia ha da sempre il suo coronamento con il concerto dell’Orchestra Fiati in Piazza Mazzini. Nonostante il “foglio di via”, sciami di moscerini musicofili si affollavano, non solo tra il pubblico, ma anche tra gli orchestrali, che però stoicamente hanno continuato a suonare.

Tra il pubblico il Parroco don Gianluigi Cerutti, la Presidente Maria Ausilia Cav. Festa Bianchet, e il Presidente Onorario Guerrino Cav. Cereda, gli Assessori Gianna Poletti e Paolo Urban. Il concerto si è aperto con la scintillante Marcia, di chiara origine bavarese: Gluck Auf, di Wichers, seguita dall’Ouverture de Il re Pastore di Mozart, arrangiata dal Maestro Aleppo, dalla suite Pineapple Poll di Arthur Sullivan, una pagina brillante da balletto comico,con trovate spiritose ed un’orchestrazione brillante.

Tra gli orchestrali c’erano anche alcuni giovani musicisti provenienti da Istituti Musicali e Conservatori, che hanno scelto l’Orchestra Fiati per completare il percorso di alternanza scuola-lavoro: “La nostra è una delle prime orchestre ad adottare questo tipo di collaborazione”, ha spiegato Andrea Vaudano, musico e presentatore ufficiale.

Il concerto era diretto dal Maestro Giancarlo Aleppo, la cui formazione musicale poggia su una solida preparazione, che gli è valsa anche la reiterata presenza in prestigiosi concorsi musicali nazionali e internazionali. Avendo diretto l’Accademia di Valencia, il Maestro ha ideato una composizione che rendesse omaggio alla Spagna: Suite Mediterranea, destinata a complessi professionistici, dalla quale l’Orchestra Fiati ha suonato: Malaguena, seguita dal tema del famoso film con Antonio Banderas, La Maschera di Zorro, la canzone romantica: I want to spend my lifetime loving you.

Dopo la marcia per il 125° anniversario del corpo armato dei fucilieri reali delle Highlands scozzesi, il pubblico ha applaudito African Symphony, melodia di grande respiro, che riproduce i ritmi tribali sullo sfondo dei paesaggi maestosi dell’Africa. Si è tornati in Spagna con il pasodoble: El relicario di Padilla.

Per il gran finale spazio alle trombe nella Dixie March, brano originale per banda e da Formation Flight, un misto di jazz, musica circense, musical. Gli applausi hanno indotto il Maestro a concedere più di un bis, lasciando il pubblico molto soddisfatto per aver ascoltato ottima musica.

Guarda tutto

Guarda altre notizie

Lascia il tuo commento

Back to top button