GattinaraNotizie dal territorio

Gattinara: le proposte con il Recovery Fund

L’ 11 febbraio 2021 il Consiglio dell’Unione Europea ha adottato il regolamento che istituisce il dispositivo da 672,5 miliardi di Euro per la ripresa e la resilienza. Uno sforzo straordinario per la ripresa dell’UE e, nel contempo, una grande opportunità per il nostro Paese per diventare finalmente un paese moderno ed efficiente.

 

L’Obiettivo è aiutare gli Stati membri ad affrontare l’impatto economico e sociale della pandemia, garantendo che le economie intraprendano la transizione verde e digitale e diventino più sostenibili e resilienti. Per ricevere il sostegno dell’UE, i Paesi europei devono definire un pacchetto coerente di progetti, riforme e investimenti in sei settori d’intervento fissati dall’U.E.
Pertanto la gestione dei fondi sarà statale su specifiche indicazioni europee. Per evitare che tutto ciò diventi uno specchietto per le allodole o l’ennesimo libro dei sogni occorre seguire le linee molto stringenti dettate dall’Europa.

In quest’ottica, il Comune di Gattinara, insieme alla Provincia di Vercelli e tutto il territorio, hacondiviso una serie di progetti territoriali indicando le linee di intervento sulla base dei
perimetri indicati dal Piano. Nei tempi e modi stabiliti sono state inviate alla Provincia le schede relative alle Proposte per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), schede che la Provincia ha rielaborato e trasmesso alla Regione, affinché sia predisposto uno strumento che l’Italia dovrà presentare alla Commissione europea nell’ambito del Next Generation EU, Fondo europeo istituito per sostenere gli Stati membri colpiti dall’emergenza Coronavirus.

Gli interventi progettuali del Recovery Fund sono stati illustrati attraverso le apposite schede predisposte dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Gli elenchi raccolgono tutte le proposte pervenute ed integrano la prima bozza di proposte che il Comune aveva già trasmesso in un primo tempo direttamente alla Regione. C’è chi ha scelto di presentare singoli progetti e Chi, come Gattinara, ha condiviso con la Provincia progetti di ampio respiro in modo da presentarli come progetti di territorio vasto. Sarà poi però il Governo a stabilire le linee di intervento ed i bandi a cui si dovrà partecipare per realizzare qualsiasi tipo di intervento.

Uno dei limiti principali stabiliti dall’Europa è che le eventuali opere devono essere realizzate  entro il 2026 e questo per l’Italia alle regole attuali è un problema vista la burocrazia che uccide ogni iniziativa. Su questo tema il governo sta pensando a regole più snelle per velocizzare la macchina burocratica, speriamo sia veramente così.

Intanto, seguendo le linee indicate dal piano la Provincia ha condiviso con Gattinara e i Paesi limitrofi questi progetti:

1. Adeguamento e allargamento principali vie di comunicazione: adeguamento delle strade S.P. 594 – S.R. 142 alle nuove esigenze di traffico e ampiamento delle careggiate stesse per migliorare il traffico e garantire nel contempo una maggiore scurezza per gli utenti della strada.
2. Interventi di mobilità green: come previsto anche dall’Agenda 2030, promuovere uno studio di nuove forme di mobilità che tengano conto dell’esigenza di una mobilità “sostenibile”. Integrare i percorsi ciclabili esistenti con quelli che si andranno a realizzare come quello Alagna – Vercelli e anche lungo la S.R. 142 nel tratto Brusnengo – Gattinara prevedendo altresì alberatura per favorire la “rivoluzione verde” e raggiungendo anche l’obiettivo di migliorare la fruizione turistica e ricreativa e valorizzare il paesaggio.
3. Opere accessorie alla Pedemontana: Un’infrastruttura che ricopre un’importanza strategica non solo per Gattinara ma per tutto l’Alto Piemonte è senza ombra di dubbio la Pedemontana. Le Grandi Opere sono da sempre il motore dello sviluppo strategico di un territorio e le infrastrutture sono fondamentali in questo senso. Un’arteria di comunicazione così importante come la Pedemontana che lambirà centri urbani significativi del territorio, deve essere supportata da un sistema viario che sopporti efficacemente anche il traffico pesante per collegare altrettanto efficacemente le aree produttive che ivi insistono. Al riguardo risulta pertanto indispensabile prevedere delle opere accessorie necessarie per potenziare il collegamento con la Pedemontana con l’area industriale di Gattinara dove insistono attività produttive di rilievo mondiale (come ad esempio la Lavazza che a Gattinara ha lo Stabilimento produttivo più grande al Mondo).
4. Potenziamento della Sanità territoriale: Ripensare alla Sanità territoriale attraverso
l’adeguamento e la rifunzionalizzazione di strutture già esistenti per dare all’utenza servizi più efficienti e efficaci con un servizio territoriale che operi in modo integrato con l’area Ospedaliera.
L’emergenza COVID-19 ha imposto una drastica riduzione dell’operatività del sistema sanitario e ospedaliero, fatta eccezione per patologie oncologiche e urgenze, una riduzione che, per ovvi motivi, non può essere procrastinata in modo indefinibile nel tempo, anche perché bisogna far fronte alle numerose richieste di pazienti che attendono cure dai nosocomi del territorio.
5. Riqualificazione energetica e messa in sicurezza degli edifici pubblici: In questi ultimi anni, sono state emanate a livello nazionale, regionale e locale diverse leggi che indicano requisiti e criteri sia per la progettazione delle nuove costruzioni che per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti, in quest’ottica, si ritiene importante intervenire in primo luogo per la messa in sicurezza degli edifici pubblici e sulla loro riqualificazione energetica (serramenti, illuminazione a led, pannelli fotovoltaici ecc.)

Guarda tutto

Commenta

Back to top button