GrignascoNotizie dal territorio

Grignasco: un nuovo libro e riconoscimenti per la poetessa Floranna Usellini

Floranna Usellini schiva e riservata poetessa originaria di Gozzano, che vive a Grignasco, a novembre ha pubblicato il suo quinto libro di poesie: Su scale di silenzi, dedicato: “A coloro che sanno leggere con il cuore”. Le poesie in versi liberi sono state ordinate in sezioni che racchiudono sentimenti, emozioni, ricordi, contrappuntate da titoli evocativi: Radici, Altalenanti emozioni, Nel ricordo di mio padre, mia madre, Flora, Teresita, Davide (poeta), Qualche dedica, Amici speciali, Duemilaventi Duemilaventuno Duemilaventidue, l’ultima parte,intitolata: Frammenti dai libri: Magia di una vita, Controvento, Silenzioso assolo, ripropone poesie delle precedenti raccolte. Il volume è stato edito da Otma2, la casa editrice fondata dal compianto Otmaro Maestrini e portata avanti con grande professionalità dal nipote Euro. Nel 2017 Floranna era stata nominata “Poeta dell’Anno” e spesso viene chiamata a far parte di Giurie poetiche, tra i quali il Concorso Internazionale Castello di Sopramonte organizzato annualmente dal Gruppo Alpini di Prato Sesia.

Le poesie di Floranna scorrono lievi, con grande dolcezza, quasi come quella “Carezza della sera” che cantavano i New Trolls: ciascuno trova un’eco a nostalgie di altre vite, nelle qualila poetessa ricorda i veri “Amici speciali”, i gatti che hanno lasciato un pezzetto del loro mistero nella casa che si affaccia sui boschi: Tonsilla, Caramel, Lalla, Fumetto, Tilla e Trillo si rincorrono di verso in verso, accoccolandosi morbidi nell’affetto di una donna speciale, che coglie di ognuno il carattere ed i sogni, arrampicandosi per le “scale di silenzi” del titolo della raccolta, percorse dalla poetessa che cerca la sualuce e trova la carezza di una nuova primavera.

Floranna Usellini a Milano, presso il Circolo Volta, ha appena ricevuto il Premio Internazionale Agenda dei poeti, con la poesia:Tra le righe, che rievoca il fluire dei versi: “Sogna, / intrisa di malinconia, / la penna insieme a me, / con la tacita sinfonia / di silenzi che arpeggiano,/ fluttuando, / tra le righe”. La giuria composta dal Presidente Roberto Bramani Araldi, e dai giurati Carlo Bozzali, Ines Tedoldi, Rosa Rampulla, Rosy Ripa e Lucia Ferrante, nel suo giudizio ha colto la sensibilità di versi che scivolano fra le righe, esprimendo ciò che ognuno prova, ma non riesce a comunicare con semplici parole, che rischierebbero di banalizzare emozioni profonde.

L’avvicinarsi del Natale, in questo tempo così difficile e travagliato, potrebbe essere l’occasione per conoscere, o ritrovare, questa poetessa che tocca il cuore con la sua grande serenità pensosa.

Guarda tutto

Guarda altre notizie

Lascia il tuo commento

Back to top button