BorgosesiaGattinaraGrignascoNotizie dal territorioQuaronaRomagnano SesiaSerravalle SesiaValduggiaVarallo

Nuovo direttivo per il Lions Club Valsesia

Nel giorno del solstizio d’estate, presso il ristorante Il Pinocchio di Borgomanero si è svolto l’ultimo meeting dell’anno Lionistico 2021-2022.

Il Presidente, Fausto Luotti, già Dirigente bancario, e oggi Assessore al bilancio, Tributi, Personale e Urbanistica del Comune di Cavallirio, ha ricordato lo stato d’animo con il quale affrontò il suo mandato: ”Me ne sono fatto carico in modo emotivo, perché era una attività per me del tutto nuova, in cui ho investito molte energie e spero di non aver deluso nessuno: ho sempre cercato di essere all’altezza del nome del Club”.I services sono stati tutti molto soddisfacenti: “Sono stati investiti € 23.167 , e € 5.000, prelevati dal fondo di garanzia, sono stati devoluti per i profughi ucraini”. Dopo i ringraziamenti rivolti alla moglie, che gli è stata accanto in questi dodici mesi, sostenendolo ed incoraggiandolo, Luotti  ha confessato l’unico dispiacere del suo mandato: “Non essere riuscito ad incrementare il numero dei soci”. Molto caloroso è stato il ringraziamento rivolto ai collaboratori del Consiglio Direttivo e a tutti i soci, con una menzione particolare all’Ingegner Moretta, grazie al quale il nome del Lions Club Valsesia suggella ben quattro pubblicazioni dedicate all’alta Valle. Il bilancio dell’esperienza di Presidente per Fausto Luotti è stato ampiamente positivo: “Ognuno può portare qualcosa di nuovo, è un’esperienza costruttiva: il Club è un’élite solo nel We serve, per il resto è amichevole e aperto a tutti i confronti”.

Durante la serata è avvenuta la cerimonia del passaggio delle consegne: spilla, campana e martello sono stati trasferiti al nuovo Presidente, al quale è stata anche consegnata la Charter con la storia del Club.

Il nuovo Presidente è il ghemmese Vito Arlunno, Medico di famiglia, pensionato dal 2018. Dopo aver conseguito la laurea in Medicina fece le prime esperienze come assistente volontario in pediatria nell’Ospedale di Gattinara: la sua fu una predisposizione innata, non solo verso i bambini, ma nei confronti del suo prossimo: «Curare le persone mi gratifica: ho studiato medicina proprio per aiutare le persone». Il dottor Arlunno è stato anche impegnato nella vita amministrativa del suo paese, Ghemme: nelle elezioni del 1985 e del 1990 fu candidato nella lista civica che raccolse il maggior numero di voti, e ad Arlunno toccò un numero di suffragi record. All’epoca chi prendeva più consensi era destinato a fare il sindaco e tutti i consiglieri, anche quelli d’opposizione, volevano il primo cittadino fosse il medico, ma Arlunno per due volte rinunciò, per assumere la carica di vice.

Vito Arlunno, dopo aver ringraziato i suoi predecessori: Fausto Luotti e Nanni Boggio, che hanno retto il Club nei due anni di Covid, superando grandi difficoltà organizzative, ha presentato il nuovo Consiglio Direttivo, composto da vecchi soci, ricchi di esperienza e giovani soci, con tanto entusiasmo, per un confronto costante tra generazioni, valorizzando idee e proposte diversificate: Primo Vice Presidente, Francesco De Pace, Secondo Vice Presidente, Andrea Ballarini, Segretario, Dario Temperino, Tesoriere, Luciano Zanetta, Cerimoniere, Alberto Regis Milano, Censore, Adriano Pizzi, Addetto Stampa, Stefano Mariani, Consiglieri, Vincenzo Magnani San Lio e Sara Sassone, Revisori dei Conti, Sergio Foglia e Amedeo Gabella, Presidente Comitato nuovi soci, Fabrizio Zamboni.

Il nuovo Presidente inizierà presto a lavorare,il 12 luglio è già stato calendarizzato il primo Consiglio: auguriamo un anno intenso, nel quale riesca a realizzare i suoi molti progetti.

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button