Notizie dal territorioRovasenda

Rovasenda: inaugurazione della rinnovata Piazza Castello

Domenica 4 settembre sarà una data da ricordare nella storia di Rovasenda, un borgo nella Baraggia, come lo definì il Professor Arnaldo Colombo: è stata ufficialmente inaugurata e benedetta dal pievano Don Cristiano, la rinnovata piazza Castello.

Il Sindaco, Gian Paolo Baietti, ha ricordato gli importanti lavori di riqualificazione della piazza, del cortiletto interno del castello e della via da Roc, in cui è stata completamente rifatta la pavimentazione in ciottoli con lose di pietra, ridisegnando la sagoma delle aiuole che accolgono gli ombrosi alberi, restituendo dignità ed eleganza al cuore del borgo
antico sul quale si affacciano il possente castello millenario dei Di Rovasenda e la Parrocchia dedicata all’Assunta. I lavori sono stati resi possibili anche grazie alla disponibilità dei Di Rovasenda, e alla collaborazione delle competenti Soprintendenze che hanno approvato il raffinato progetto presentato dallo Studio Fauda. La promozione del territorio è tra gli obiettivi dell’Amministrazione che vorrebbe che si risolvesse al più presto anche il problema del crollo di parte
del muro della casa parrocchiale, mettendo in sicurezza l’intera area, perché: “La riqualificazione della piazza si inserisce in un percorso di attrattiva turistica creata rendendo vivo ed accogliente il borgo, muovendosi nella direzione dello sviluppo del territorio e del benessere dei cittadini, consapevoli che Rovasenda ha i contenuti per fare turismo,
ma bisogna lavorare con metodo, e quindi è stata attivata quella che si chiama “progettazione partecipata” tra Comune, Pro Loco e AREGAI, aderendo allo stile di vita del turista LICET, che condivide alcuni valori fondamentali, aiutando a creare benessere per il territorio e per i suoi abitanti, coinvolgendo pubblico e privato in un percorso di sviluppo.

Il prossimo obiettivo sarà dunque indirizzato verso l’ospitalità e l’accoglienza”. “Questi percorsi possono essere progettati e realizzati perché c’è il forte sostegno interno dei dipendenti comunali”: ha sottolineato Daniele Albertino, Vice Sindaco, che ha presentato l’evento, coordinando i vari interventi.

I visitatori nella giornata sono stati accolti al gazebo “Infopoint LICET Baraggia” da quattro guide professioniste: Claudio Callegari, Gabriele Ardizio, Alessandro Zonari e Alberto Riva, che li hanno condotti a scoprire un territorio con importanti valenze storiche, artistiche e naturalistiche, visitando anche aziende sostenibili, che producono in modo biologico.

Maria Paola Di Rovasenda ha parlato a nome della famiglia, assicurando la piena unità d’intenti con l’Amministrazione comunale: “Condividiamo al duecento per cento gli stessi valori e pensiamo che solo attraverso la messa a disposizione delle diverse competenze, si possa dar vita ad un paese più aperto e vivibile per i suoi stessi cittadini”:

Il Presidente della Provinciadi Vercelli, Davide Gilardino, ha  messo in evidenza il “senso di appartenenza” , perché: “La Provincia di Vercelli è fatta di piccoli borghi e Rovasenda è il fiore all’occhiello della Baraggia, una terra di mezzo tra le terre delle vie d’acqua e di comunicazione, che alimenta e sostiene il senso di identità legato al territorio.Le vie d’acqua sono il volano per far conoscere l’eccellenza dei nostri paesi. La Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli sta finanziando un importante progetto di audioguide, accessibili in ogni paese semplicemente accostando il telefono per scaricare un’applicazione che in cinque lingue racconta la storia del territorio”.

Al termine è intervenuto l’Onorevole Andrea Delmastro Delle Vedove per complimentarsi con l’Amministrazione comunale che ha fatto scelte importanti, che lasceranno un segno nel territorio: “La nuova piazza è l’indice di una volontà di migliorare la vita dei propri cittadini, proponendo modelli di armonia, prendendosi cura del territorio, anche a prescindere dal turismo, idea ancora più apprezzabile perché attuata in un momento di pesanti ristrettezze economiche. L’idea di un comune funzionale ed efficiente, è stata completata tenendo conto della bellezza, riqualificando una piazza storica e simbolica”.

Al termine della manifestazione sono stati consegnati i buoni postali offerti dall’Amministrazione ai sette nuovi nati del 2021: Hanaa Charifi, Safaa Charifi, Lisa De Giovanni, Leonardo Di Martino, Camilla Giulietto, Daniela Stocchi, Filippo Madi Mazzoni De Rovasenda, gesto simbolico,che va letto come segnale di fiducia e di apertura verso il futuro.

La bella giornata si è conclusa con un gustoso apericena a buffet, preparato, e signorilmente apparecchiato, dalla Pro Loco nel cortile interno del castello, proponendo tante specialità enogastronomiche del territorio. Massimo Zanetti, Francesca Guala e Enrico Marone, un trio di giovani musicisti, ha accompagnato l’arrivo del tramonto.

Il prossimo evento rovasendese sarà la festa di presentazione del biodistretto del riso piemontese, che si aprirà sabato 10 settembre con un convegno nei saloni del castello, cui seguiranno altri eventi culturali, naturalistici e gastronomici.

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button