Notizie dal territorioSerravalle Sesia

Serravalle: in ricordo del Maestro Angelo Gilardino

La morte del chitarrista, musicologo e compositore vercellese, Angelo Gilardino ha suscitato un profondo cordoglio a Serravalle. Il Cav. Sandro Barbieri, che fu l’ultimo Presidente dell’Accademia di Cultura “Renato Colombo”, fondata a Serravalle nel 1960, attiva nel mondo culturale ed artistico italiano fino al 1989, ricorda come l’allora giovane Maestro Gilardino si esibì più volte in concerto a Serravalle: “Il 9 aprile 1972 eseguì una delicata pagina musicale per chitarra in occasione della “Giornata dell’’Arte”, organizzata dall’Accademia di Cultura, nel commosso ricordo del suo fondatore, il poeta Renato Colombo, poi tornò ogni anno nel nostro paese ad esibirsi e, con il patrocinio dell’Accademia, fondò i primi corsi internazionali di perfezionamento in chitarra classica, che si svolgevano a Caulera. Mantenni sempre con lui un’amicizia sincera: il 16 novembre, in occasione del suo ottantesimo compleanno, gli feci gli auguri e mi congratulai per i meritati riconoscimenti avuti: in quella giornata il suo paese d’origine, Asigliano, gli dedicò una grande festa, che segnò la sua ultima apparizione pubblica”.

Gilardino fu l’erede di Andrés Segovia, maestro spagnolo della chitarra classica, generalmente considerato come uno dei maggiori sviluppatori della tecnica e dello studio della chitarra classica di tutti i tempi: dal 1997 al 2005 ha ricoperto l’incarico di direttore artistico della prestigiosa Fondazione “Andrés Segovia” di Linares.

Tra le opere di Gilardino spicca la raccolta dei sessanta Studi di virtuosità e di trascendenza, definiti da John W. Duarte “pietre miliari del nuovo repertorio della chitarra”. Il Maestro si era interessato anche alla chitarra battente, che era nata nel Seicento come strumento colto, suonato a corte, trasformandosi nel XIX secolo in uno strumento popolare, divenendo proprio il primo compositore colto che riprese a scrivere per questo strumento.

Angelo Gilardino fu anche un conoscitore, amante e valorizzatore dell’arte e della pittura in particolare: ricordiamo le sue presentazioni delle opere dei principali artisti del territorio, tra i quali i pittori gattinaresi Arturo Gibellino e Mario Baratelli, e il pittore biellese Ido Novello.

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button