Notizie dal territorioQuarona

Soroptimist Club Valsesia: cambio al vertice e premio Europeo

Il 12 ottobre 2021 a Quarona, cambio di presidenza al Club Soroptimist di Valsesia: Rosanna Salvoldi ha passato le consegne a Eugenia Borzone.

Il Soroptimist è l’unico Club di servizio che prevede una Presidenza biennale, per dar modo di attivare progetti e iniziative ad ampio respiro.

La nuova Presidente, Eugenia Borzone, nata in Argentina, Consigliere del Comune di Quarona, aprendo la serata, ha voluto ringraziare Rosanna Salvoldi, sottolineandone la personalità carismatica: “Rosanna, in un momento in cui tutto era chiuso, ha lottato per aprire a nuove iniziative, nei momenti in cui ogni cosa non si poteva fare, ha investito energia, positività, impegno, agito in modo determinato e positivo, dato ampia visibilità al Club, realizzato quella promessa espressa nella serata della sua nomina a Presidente : anche i sassi del Sesia dovranno sapere chi è il Soroptimist. Il Club si è fatto apprezzare dalle Istituzioni del territorio, dai Club di servizio con i quali ha sempre collaborato, dalle Associazioni e anche dalla Comunità”.
Cecilia Cerra
, socia Soroptimist, ha sintetizzato l’operato di Rosanna nell’espressione: ”Determinazione con garbo”.

Rosanna Salvoldi Prosino dal 22 ottobre 2019 è stata ufficialmente Presidente del Club Soroptimist di Valsesia e, al termine del suo mandato ha ringraziato il suo Consiglio Direttivo e tutte le Soroptimiste: “Grazie per aver creduto in me in questo biennio travagliato ed inusuale: per il Soroptimist è valsa la pena mettersi in gioco. Ho cercato di fare solo il mio dovere di Soroptimista: voi mi avete dato tanto, vi siete impegnate in prima persona perché i progetti si trasformassero in realtà”.

E’ stato emozionante ripercorrere il cammino di questi due anni di autentico “servizio” attraverso il video realizzato da Matteo Mancin, del quale riassumiamo i momenti più importanti. La Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, nel 2019 è stata simbolicamente onorata con l’inaugurazione della poltroncina rossa al teatro Pro Loco di
Borgosesia, e riempita di contenuti per i giovani studenti delle scuole valsesiane invitati ad uno spettacolo teatrale dedicato a due donne matematiche.

L’impegno su questo tema si è tradotto anche nell’organizzazione del corso: “Non ci cascare” dedicato alla prevenzione della violenza sulle donne e nella mostra fotografica: “Dalle donne per le donne”, realizzata dalla socia, fotografa professionale, Raffaella Bordini, allestita in biblioteca a Varallo e poi nell’atrio d’ingresso dell’Ospedale di Borgosesia, che ha appena vinto il 1° premio del Soroptimist International of Europe: “Photo Competition Awards: We stand up for Women” per: “Be strong, be brave” “Siate forti, siate coraggiose”.

Come adesione al progetto: “Orange the world: decido io”, in collaborazione con i Sindaci di Varallo, Quarona, Borgosesia, Serravalle, Gattinara, Prato Sesia e Valduggia, sono stati illuminati di arancione palazzi municipali, rotonde, monumenti e nel 2020 anche la Caserma dei Carabinieri di Borgosesia. In occasione del Soroptimist Day è stata organizzata una serata dedicata ai diritti umani nella quale sono stati raccolti fondi per la Fondazione Corti che ha realizzato un ospedale in Uganda ed è stata donata una scaffalatura alla Biblioteca di Varallo per accogliere edizioni di particolare pregio bibliografico.

Il ruolo delle donne nel Carnevale è stato al centro di una conviviale a Guardabosone cui hanno partecipato le Gin delle passate edizioni: in quell’occasione è stato dato un contributo per la realizzazione di un percorso per disabili al Rifugio Ca’ Mea al Monte Tovo, il primo rifugio senza barriere architettoniche realizzato in Piemonte.

Nel 2019, a un anno dalla scomparsa, Stefania Stefani Perrone, socia fondatrice e prima Presidente del Soroptimist Valsesia, è stata ricordata, nel Salone d’Onore di Palazzo dei Musei, con un convegno ed in quell’occasione è stata apposta in Pinacoteca una targa, che ne sottolinea il fondamentale contributo come appassionato Direttore Artistico. In occasione del Trentennale di Fondazione del Club è stata apposta una targa in sua memoria al Sacro Monte di Varallo, del quale fu Direttore.

Molti sono stati anche i services nel sociale: da quello dedicato ai minori seguiti dal Servizio Socio-Assistenziale dell’Unione dei Comuni Montani, alla raccolta fondi, in collaborazione con l’Inner Wheel Valsesia per l’acquisto di una colonna laparoscopica dotata di software per l’ospedale di Borgosesia. Con: “Si parla di cuore”, il Club ha partecipato alla 45^ edizione della Marcia Alpina al Monte Tovo, sensibilizzando all’insegna della salute e delle buone abitudini, con la conferenza del Dottor Francesco Bora, fisioterapista esperto di riabilitazione cardiologica.

Durante la pandemia tra le socie sono stati raccolti contributi devoluti all’ospedale di Borgosesia, il Club ha aderito al Progetto: “Si sostiene in carcere” per aiutare le detenute del carcere di Vercelli, che hanno realizzato mascherine. L’impegno è proseguito nel 2020, organizzando in carcere due corsi per avviare le donne alla produzione di borse con tessuti valsesiani. E’ stata distribuita una tonnellata di beni alimentari alle parrocchie di Varallo, Borgosesia, Quarona, Grignasco e Gattinara ed è stato distribuito a ventidue associazioni valsesiane un “bilico” di generi personali per la casa, messi a disposizione dalla Kimberly Clark di Romagnano. La socia Emanuela Ponzana ha seguito due incontri di educazione finanziaria per donne in condizioni di fragilità economica, organizzati in sinergia con la Banca d’Italia, tenuti presso la sede dell’Associazione Agape e presso la Casa della Mamma e del Bambino.
Sono stati devoluti contributi finanziari all’Associazione Agape, all’Associazione “Un villaggio per amico”, presieduta dalla socia Marina Filippa, alla Società Valsesiana di Cultura, per pagare il rimborso spese alle giovani ricercatrici incaricate degli studi per il volume dedicato a Vocca, è stata offerta a tre giovani laureate valsesiane la possibilità di frequentare un corso all’Università Bocconi di Milano, attraverso una lotteria benefica sono stati raccolti 12.000 €, versati all’Anffas Valsesia per l’acquisto delle attrezzature della cucina didattica alla Cascina Spazzacamini.

Sono state premiate come Donne dell’anno 2020 e 2021: la scrittrice valsesiana Maria Augusta Galletti e la Presidente del Comitato CRI di Borgosesia, Daniela Denicola. In collaborazione con il Rotary Club Valsesia, Rotary Club Gattinara, Rotaract, Lions Club Valsesia e Inner Wheel Valsesia, è stato organizzato un concorso dedicato all’Ingegner Giuseppe Magni, che ha premiato quattro progetti presentati da studenti frequentanti l’Istituto Lancia di Borgosesia. E’ stata assegnata ad una giovane studentessa, che ha frequentato l’Istituto Alberghiero proseguendo gli studi, la Borsa di Studio istituita dal Club per ricordare Elena Nathan Loro Piana.

Il progetto del Soroptimist International: “Oasi delle api. Saving bees” si è tradotto in quattro incontri con i bambini delle scuole del territorio per parlare dell’utilità delle api, mostrandole dal vero, grazie alla collaborazione di Roberto Zoia, Presidente dell’Associazione Apicoltori della Provincia di Vercelli, e si è concluso nella giornata del Trentennale con la presentazione dell’opera donata al Club dall’artista Claudio Bonomi: “Lo sciame. Non spegnetelo”. A tutte le socie, nella serata del passaggio delle consegne, dalla Presidente uscente sono stati offerti dei bouquet di rose gialle, legate da un nastro blu, i colori del Club, per sottolineare l’apporto dato da ciascuna: “Siamo state davvero apine operose che, insieme, abbiamo realizzato molte iniziative”. L’impegno personale è stato impreziosito dalla spilla simbolo del Progetto Internazionale, realizzata dai detenuti del Carcere minorile di Nisida.

Eugenia Bolzone ha ribadito il suo impegno di continuare, ampliare e valorizzare l’operato del Club nella società: “I nostro services continueranno, ci confronteremo, perché la diversità di opinioni è una ricchezza, custodiremo i valori del nostro territorio, cercheremo di rendere i nostri ragazzi orgogliosi di essere valsesiani, aiutandoli e sostenendoli nello sviluppo di idee e progetti: so che in questa sfida non sarò sola, vi ringrazio per la fiducia e sono pronta ad ascoltare idee e suggerimenti”.

Il prossimo appuntamento con la solidarietà sarà venerdì 22 ottobre, all’Istituto Alberghiero di Varallo, dove il Dirigente Scolastico, Prof. Carmelo Profetto, in collaborazione con il Rotary Club Valsesia e Gattinara, ha organizzato una cena di beneficenza per raccogliere fondi destinati al progetto “Africa: creare lavoro dove lavoro non c’è”, del quale sarà relatrice la socia Soroptimist Marina Filippa.

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button