Notizie dal territorioVerbano Cusio Ossola

Svolta a Verbania la 16^ conferenza dei Geoparchi Europei

A Verbania si è conclusa lo scorso 30 settembre la 16° Conferenza dei Geoparchi europei che, per una settimana, ha portato nel territorio del Sesia Val Grande Geopark 400 partecipanti di 44 nazionalità diverse,
in rappresentanza dei 94 Geoparchi europei e altri dal mondo: erano infatti presenti anche canadesi, cileni, afgani, malesi, iraniani, in un’atmosfera di positivo ed amichevole rapporto tra tutti i presenti con
importante scambio di conoscenze ed esperienze.

La conferenza, promossa dall’EGN la rete europea dei Geoparchi UNESCO, era dedicata a un tema di estrema attualità “Natura, cultura e sostenibilità nel cambiamento climatico e ambientale” e oltre ad
affrontare questo ampio argomento con molte relazioni i convegnisti hanno avuto la possibilità di visitare il territorio del nostro Geoparco, sia nel versante verbano-ossolano sia in quello valsesiano, venendo a
conoscenza della sua grande ricchezza geologica, ambientale, culturale ed enogastronomica.

Il Geoparco Sesia Val Grande si estende infatti dalla sommità del Monte Rosa alla bassa Valsesia e dalla Val d’Ossola fino al lago Maggiore presentando una elevata geodiversità e peculiarità geologiche di assoluto valore e grande interesse.

Ce ne elenca alcune il prof. Marco Giardino, Presidente dell’Associazione Sesia Val Grande Geopark e coordinatore scientifico della Conferenza: una sezione della crosta terrestre di rara bellezza e continuità di affioramento, meta di studiosi provenienti da tutto il mondo, e sede di attività estrattive di pietre ornamentali di rinomato valore, come ad esempio i Graniti dei Laghi; l’antichissimo supervulcano del Sesia, le cui rocce della caldera ricche di ossidi metallici permettono di coltivare uve Nebbiolo, da cui i nostri grandi vini; le testimonianze dell’occupazione Walser, nell’area glacializzata del Monte Rosa, e dell’interazione di questo popolo con gli effetti dei cambiamenti climatici; i Sacri Monti, Patrimonio UNESCO,in cui la peculiare morfologia del paesaggio ha favorito lo sviluppo di un senso religioso celebrato anche da pregevoli opere d’arte.

La conferenza è stata organizzata dal Sesia Val Grande Geopark, con le sue tre componenti operative che sono Il Parco Nazionale della Val Grande dove si trova la sede, l’Ente regionale di Gestione delle Aree
Protette della Valle Sesia e la locale Associazione Sesia Val Grande Geopark affiancate da CCICongress di Torino, e si è svolta a Verbania. Qui, grazie alla generosa disponibilità del Comune, è stato possibile
svolgere i lavori nella moderna sede de Il Maggiore e nella vicina Villa Simonetta, sede per l’occasione di una mostra a cura dell’Università di Torino e della Geofair con spazi a disposizione dei geoparchi.

Come ci ricorda Edoardo Dellarole Presidente del Sesia Val Grande UNESCO Global Geopark, la conferenza è stata organizzata dal geoparco, unico in Piemonte, congiuntamente con l’European Geopark Network (EGN), il Global Geoparks Network (GGN) e l’ufficio UNESCO “Geoscience and Geoparks” (IGGP). Questo incontro è il secondo che si svolge in Italia dopo quello dell’Adamello Brenta nel 2018 e nell’occasione sono state presentate le candidature di altri geoparchi anche italiani. Così come è stato per il nostro geoparco,
approvato nel 2013 e allora 9° in Italia, che già nel 2015 è diventato Global UNESCO Geopark.

I lavori si sono svolti sotto l’egida della Regione Piemonte, presente all’inaugurazione con l’Assessore all’Ambiente, Energia, Innovazione e Ricerca Matteo Marnati, e il patrocinio delle Province di Biella, Novara,
VCO, Vercelli, la Città di Verbania, l’Università degli Studi di Torino, il CAI, il Consiglio Nazionale dei Geologi, il CNR, l’Unione Montana dei Comuni della Valsesia, il Comune di Balmuccia. Il supporto è arrivato anche da
ENI group, IGOR gorgonzola, Distillerie Francoli, Antichi Vigneti di Cantalupo, Cavanna spa, Distretto Turistico dei Laghi, Regione Piemonte-Distretto Unesco, VisitPiemonte-DMO, Monterosa 2000, Memoria dei Ghiacci-Progetto MIUR Legge 6/2000, Cubetto.com di Marco Rivella, Comitato Glaciologico Italiano, Giovanni Filippa General Manager di Zavero srl.

A tutti il ringraziamento per aver permesso di realizzare un evento così importante che ha fatto conoscere nel mondo il nostro territorio.

Guarda tutto

Guarda altre notizie

Lascia il tuo commento

Back to top button