BorgosesiaNotizie dal territorioVarallo

Varallo: consegnati gli attestati del Corso di cucito, maglieria e rimaglio della CRI

Sabato 21 maggio, presso il Salone delle Feste del Club Anni d’Argento, messo a disposizione dal Presidente, Pierangelo Pitto, si è svolta la cerimonia di consegna degli Attestati dei Corsi di Cucito e di Maglieria e rimaglio.

Tra il pubblico erano presenti anche Mauro Demiliani e Letizia Trabaldo, che nel 2012, quando iniziò il primo corso di cucito, erano Commissario del Comitato Cri di Borgosesia e Ispettrice del Comitato Femminile, Emilia Borzone, che rappresentava il Sindaco, nonché presidente dell’Unione dei Comuni Montani,Francesco Pietrasanta, e ha accompagnato Alberto, studente delle Scuole Medie, che ha frequentato il corso di cucito,ed alcuni rappresentanti della Fondazione Valsesia.

Dopo il saluto di apertura della Presidente del Comitato di Borgosesia di Croce Rossa Italiana, Daniela Denicola, e del Sindaco Eraldo Botta, sono stati raccontati i primi dieci anni del corso di cucito. Nacque da un’idea di Piera Goio, volontaria di CRI, che si concretizzò in un progetto di inclusione sociale, per aiutare le donne disoccupate a conquistare una piccola autonomia economica, offrendo loro la formazione di base per piccole riparazioni (orli, bottoni, cerniere, rammendi), e fu premiato dalla Croce Rossa Nazionale con la copertura del 65% delle spese per l’attivazione. In loco si mobilitarono il Comune, che mise a disposizione la sede, la signora Elena Nathan Loro Piana che attrezzò un locale luminoso come aula di cucito, la Ditta Pizzi, la Ditta Prosino, mentre l’Associazione Eufemia mise a disposizione capi di abbigliamento sui quali potersi esercitare. Parteciparono ventotto persone. Fu chiamata ad insegnare la sarta e stilista varallese Bruna Rover, che era appena andata in pensione, ed accettò con entusiasmo l’incarico, assolvendolo in modo non solo professionale, ma con molta empatia, elaborando programmi di apprendimento personalizzato. Bruna erasempre disponibile: le ragazze spesso si rivolgevano a lei per consigli e suggerimenti, anche contattandola a casa. Negli anni successivi con la Scuola di Moda dell’Ipsia di Borgosesia fu siglata una delle prime convenzioni sull’alternanza scuola-lavoro. L’attuale insegnante, Angela Maltese, è una sarta professionista di Pray, che ha avuto il riconoscimento dell’Eccellenza Artigiana.

Piera Goio è intervenuta ringraziando tutti i collaboratori e le quasi duecento donne che hanno frequentato i corsi dal 2012, sottolineando la gioia di fare qualcosa di utile per gli altri, seguita da Rosanna Prosino, che nei primi anni aveva collaborato ai corsi: “Bruna Rover è una donna speciale, che si è creata un nome con la sua professionalità ed il suo senso estetico, ma l’ha meritato con la sua carica di umanità”.

Il corso di maglieria fu avviato nel 2018, nacque da un’idea di Francesco Tramontini, responsabile del marketing presso Loro Piana. Renzo Da Rodda, dirigente Loro Piana ed insegnante alla Scuola di Specializzazione del tessile a Biella, divenne coordinatore del corso, aiutato da due magliaie professioniste: Elsa Rastelli e Patrizia Pagliarini. Il corso di maglieria e rimaglio professionale era articolato in ventisette lezioni settimanali di tre ore ciascuna: sono arrivate alla fine del percorso cinque donne. Un’ulteriore sviluppo di questi laboratori verrà dal Formont, che dal prossimo anno istituirà un corso che rilascerà un attestato regionale.

Poiché questi corsi, oltre ad insegnare qualcosa, sono un momento di socializzazione e di inclusione sociale, viene privilegiata la partecipazione di donne disoccupate, e le scelte delle persone da ammettere sono fatte anche in accordo con i Servizi Sociali, è intervenuta Sveva Dessì, Responsabile Servizio socio assistenziale Unione Montana dei Comuni della Valsesia,che ha parlato di questi laboratori come di un’“energia vitale” per la Comunità, mentre Michela Cominettiper il Consorzio CASA, a nome del Direttore Andrea Lux, ha raccontato i positivi risultati delprogetto Energia/Bussoleno, che ha avuto come protagonista una persona disoccupata e in una situazione socio-economica molto fragile, il quale, grazie al Progetto Lisa, è stato impiegato a Bussoleno, con risultati tanto positivi che l’interessatovuole rimanere là dove ha costruito una rete di rapporti.

Synergie è un’agenzia interinale che ha sede in Regione Piemonte ed è improntata verso politiche attive del lavoro, collabora con il Progetto Lisa per inserimenti lavorativi “speciali”, che vengono seguiti in modo particolare: la responsabile, Cristina Lorenzo,ha citato due casi positivi di persone che con il lavoro riacquistano dignità, “rifioriscono”.

La docente del corso di cucito, Angela Maltese, il Sindaco, Daniela Denicola e Piera Goio, hanno consegnato gli attestati del corso di cucito, mentre quelli del Corso di Maglieria e rimaglio sono stati consegnati dal responsabileRenzo Da Rodda, dalla magliaia Elsa Rastelli (l’altra magliaia collaboratrice, Patrizia Pagliarini, purtroppo non ha potuto partecipare per un problema di salute), e dalla collaboratrice CRI Antonella Deregis.

La Presidente del Comitato di Borgosesia di Croce Rossa Italiana Daniela Denicola, ha poi spiegato lemotivazioni del dono di una fotografia particolare a Eraldo Botta, raffigurante la sua mamma, la sarta e stilista Bruna Rover con Rosalba e Nilmini, allieve del primo corso di cucito, poi collaboratrici e assistenti di Bruna e delle successive insegnanti, diventate esse stesse volontarie di Croce Rossa.

A Eraldo Botta come Sindaco, per ringraziarlo della costante collaborazione, è stata anche donata una pergamena: le motivazioni sono state lette dall’insegnante e volontaria CRI, Michela Fizzotti, in rappresentanza delle scuole medie diValdilana e da Alberto, un giovane allievo dei corsi tenuti a Quarona

Al termine della cerimonia è stato offerto un festoso rinfresco per augurarsi una buona estate.

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button