Notizie dal territorioVarallo

Varallo: presentato il libro di Valeria Lentini dedicato all’Alzheimer

L’Alzheimer è una malattia che oggi è largamente diagnosticata e diffusa, non è curabile, ma attraverso un’adeguata prevenzione è possibile assumere farmaci che ne rallentino il decorso. Uno delle poche cose che si conoscono sull’insorgenza dell’Alzheimer è che l’esordio, solitamente, avviene dopo un trauma importante: un lutto, una caduta.

Valeria Lentini, coordinatrice del Centro Diurno Alzheimer di Portula, che era nato nel 2010 a Quarona e poi nel 2012 era stato trasferito a Portula, segnala l’esistenza di “screening” che, a partire dai cinquant’anni, permettono di identificare la propensione a sviluppare la malattia.
Nella presentazione in Biblioteca a Varallo del suo primo libro, un racconto lungo, intitolato: La memoria del cuore, l’autrice ha sottolineato che non è la storia di una persona in particolare, ma un collage delle esperienze vissute in questi vent’anni: “Tutte le persone che sono passate dal Centro hanno lasciato il segno di un’esistenza unica e irripetibile, e
questo libro restituisce loro la possibilità di comunicare”.

Valeria di fronte allo sgomento che coglie chiunque venga a contatto con una persona malata di Alzheimer, ha spiegato che occorre capire che si è di fronte ad una persona nuova, che, con quella che eravamo abituati a conoscere ed a frequentare, ha in comune solo l’aspetto fisico: occorre quindi trovare un senso a quella nuova realtà ed iniziare una nuova vita: “E’ importante non vivere questa esperienza che devasta in solitudine, ma farsi accompagnare, parlare di quanto accade, condividere: aiuta a mantenere il controllo sulla situazione. Affidare le persone care malate ad una struttura specializzata non è una fuga o un abbandono, ma permettere loro di essere seguite ed accudite nel modo migliore”. Valeria Lentini ha anche parlato del modo in cui si può imparare a gestire la rabbia che nasce dall’impotenza.

Il prossimo libro sarà ambientato in una casa di riposo che ospita persone ancora autosufficienti, e conterrà storie ricche di ironia, che sfatano luoghi comuni molto diffusi.

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button