Notizie dal territorioVarallo

Varallo: Serata finale e premiazione 37° Concorso Valsesia Musica Violino e Orchestra

Sabato 13 novembre nel Teatro Civico di Varallo, messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale, si è svolta la prova finale del Concorso Internazionale per violino e orchestra, organizzato dall’Associazione Culturale Valsesia Musica.

Dopo il saluto della Presidente, Franca Scaglia, nella presentazione sono stati pubblicamente ringraziati i finanziatori ed i partners di Valsesia Musica: Regione Piemonte, Provincia di Vercelli, Unione dei Comuni Montani della Valsesia, rappresentata dall’Assessore alla Cultura Attilio Ferla, Città di Varallo rappresentata dal Sindaco e dagli Assessori: Enrica Poletti, (che è anche Vice Presidente di Valsesia Musica) e Pamela Negri; le Fondazioni Bancarie: Fondazione
Cassa di Risparmio di Vercelli, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino; i Club di servizio: Rotary Club Valsesia, Inner Wheel di Valsesia.

Vincitore assoluto di questa edizione è stato il violinista Elias David Moncado, al quale è andato il primo premio di € 8.000, offerto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, che, al termine della sua travolgente esecuzione, è stato abbracciato dal Maestro Passerini. Hanno consegnato il Premio Eraldo Botta e Daniela Denicola, Presidente del Comitato CRI di Borgosesia, recentemente nominata Cavaliere della Repubblica. Botta ha assicurato il suo sostegno al Concorso, definito: “Una delle eccellenze varallesi, valsesiane e della Provincia di Vercelli”.

In questa edizione, per la prima volta ai concorsi internazionali mondiali, con l’assenso del Direttore dell’Orchestra, del Direttore Artistico, del Presidente e dei membri della Giuria, un finalista, Cord Koss, ha chiesto di suonare da solo, senza che il direttore dirigesse l’orchestra, e si è classificato al terzo posto.

Il secondo premio, al quale ha contribuito il Rotary Club Valsesia, è stato consegnato dal Presidente, Paolo Arienta, a Teofil Milenkovic: questo giovane talento di ventuno anni, sta ottenendo sempre miglioiri classificazioni ai concorsi di Valsesia Musica.

Al quindicenne Francesco Papa è stata conferita la Menzione Speciale come il più giovane talento in gara, alla violinista giapponese Reika Sakamoto è andato il Premio Speciale per la miglior violinista donna in Concorso, offerto dall’Inner Wheel Valsesia e consegnato dalla Presidente Fiorella Di Marco Proietti.

Il presidente della giuria, Hubert Stuppner, ha ringraziato i colleghi per l’ottimo lavoro svolto e Cristina Minazzoli, Segretaria e struttura portante del Concorso, che lavora in modo professionale e impeccabile, lanciando un appello “agli uomini di buona volontà culturale” in favore della musica e dei musicisti, soprattutto dei giovani talenti che iniziano la loro carriera: “Il concorso organizzato da Valsesia Musica, è una filosofia del bello musicale, un ottimo trampolino di lancio, e questi giovani iscriveranno al loro curricula Varallo, città d’Arte, contribuendo a valorizzare l’intera Valsesia”.

I giudizi del pubblico, in larga parte, coincidevano con quello espresso dalla Giuria, composta da Hubert Stuppner, Presidente, Vincenzo Balzani, Lindita Hoxha, Christian Anzinger, “professionisti” della musica, che hanno lavorato in modo intenso per selezionare on line tra i trenta concorrenti, in rappresentanza di dodici differenti nazioni, i tredici semifinalisti, che hanno partecipato alla prova in teatro con i pianisti accompagnatori: Camilla Marone Bianco e Georgi Trendafiloff. I tre concorrenti che sono arrivati in finale, si sono esibiti con l’Orchestra “Antonio Vivaldi”, per il quarto anno ospite a Varallo, diretta dal giovanissimo e talentuoso Maestro Lorenzo Passerini. L’Orchestra quest’anno festeggia il decimo anno di attività, scandito da un percorso di costanti successi, sanciti dalle collaborazioni con le
maggiori stagioni concertistiche e festival del paese. Dal 2015 è orchestra residente della stagione concertistica delle “Serate Musicali” di Milano e dalla stagione 2016/2017 anche presso il Teatro Sociale di Sondrio, vanta collaborazioni con Direttori d’Orchestra e solisti di fama mondiale.

Al termine delle esibizioni la Giuria si è riunita per stilare la classifica e nel frattempo l’Orchestra ha offerto la Danza ungherese n. 5 di Brahms, che è stato molto apprezzato.

Il prossimo appuntamento che attende Valsesia Musica è il Concorso di pianoforte, con fasi in presenza l’11 e 12 dicembre e finale in teatro il 12 dicembre.

Alcuni privati generosamente offrono premi per questa sezione del Concorso: Marinella Mazzone offre un premio speciale dedicato alla memoria del marito Prof. Giovanni Turcotti, Rosanna Gorini offre il secondo premio, in memoria del marito Pino Minazzoli, Carla e Giulio Armiento offrono il terzo premio in memoria della figlia Alessandra.


INTERVISTA AL DIRETTORE ARTISTICO DI VALSESIA MUSICA: MAESTRO VINCENZO BALZANI.

Il Maestro Vincenzo Balzani, Direttore Artistico di Valsesia Musica, prima dell’inizio della finale del Concorso, ha ricordato Giorgio Orsolano, Consigliere di Valsesia Musica, scomparso prematuramente nell’agosto scorso: “Persona capace, dotata di grandi capacità organizzative e soprattutto appassionato di musica: sarà molto difficile rimpiazzarlo, ma vorrei che chi si sente di poter assumere quel ruolo, si facesse avanti: ne abbiamo estremamente bisogno in questi anni così difficili, in cui la pandemia, limitando la nostra attività, ci ha fortemente danneggiati”.

Chi meglio del Direttore Artistico potrebbe raccontarci questa grande edizione del Concorso per Violino e Orchestra? “L’Associazione Valsesia Musica è orgogliosa di poter vedere i frutti del proprio lavoro in questi primi vent’anni del millennio (che ovviamente si aggiungono ai vent’anni di fine XX secolo). Centinaia di giovani di talento del pianoforte, del canto lirico e del violino sono passati da noi, sin dall’infanzia, cimentandosi in una serie di competizioni che hanno contribuito a rinforzare le loro qualità tecniche e musicali di anno in anno. Due esempi su tutti: Giuseppe Gibboni, che ha appena vinto il prestigiosissimo Paganini di Genova (che da ben ventiquattro anni non vedeva imporsi un italiano): a dieci anni era venuto al nostro Monterosa Kawai (Concorso Juniores per archi e per piano) e nel 2020 ha sbaragliato il campo al nostro Concorso per violino e orchestra, aggiudicandosi meritatamente il primo premio. Voglio poi citare Teofil Milenkovic, sulla cui storia si potrebbe intessere la trama di un film! Teofil venne col padre all’età di sette anni a partecipare e vincere il Monterosa Kawai per archi, poi, di anno in anno, si presentava al concorso per violino e orchestra, sempre con un concerto diverso, con poca fortuna forse, ma con grande determinazione. L’abbiamo visto crescere! Giovanissimo uomo di soli ventuno anni, oggi è maturato a tal punto che, per un pelo, non ha finalmente vinto il primo premio. Alla fine della premiazione gli ho stretto la mano (mi consentirete questo strappo al COVID 19) e gli ho detto: “Vieni l’anno prossimo perché noi tutti di Valsesia Musica speriamo proprio di poterti assegnare il primo premio e poi per poterti rivedere ancora qui con noi fra qualche anno, magari ti inviteremo in Giuria”.

Balzani per le prossime edizioni ha preannunciato alcune importanti innovazioni organizzative: “Il concorso per violino e orchestra sarà diviso in due sezioni: classica e grandi concerti, romantici e post romantici”. Questo presente così preoccupante per la cultura e quella musicale in particolare, come ha ricordato il Presidente della Giuria, Hubert Stuppner, riecheggia nelle parole del Maestro: “Chissà se un concorso così grande sarà destinato a durare nel tempo, o se, per i tanti problemi economici che lo minacciano, finirà per interrompere la sua attività? Io, che vengo in Valsesia dal 1981, primo anno del Viotti-Valsesia voluto da Ermanno Tiramani e Joseph Robbone, patron del Viotti, mentore del sottoscritto e grande Valsesiano Doc, non posso credere che, dopo quarant’anni di successi, questo fiore all’occhiello della cultura Valsesiana, nazionale e mondiale, possa suonare l’ultima nota proprio dopo questa terribile pandemia!”

Guarda tutto

Guarda altre notizie

Lascia il tuo commento

Back to top button