Presentazioni e convegni

Progetto: Liberi di leggere

Varallo tutti i martedì

Grazie al prezioso aiuto delle “volontarie della lettura”: Ester Bassoli, Mimma Deleo, Maria Carolina Ferla, dopo la pausa coincidente con le vacanze pasquali, riprendono in Ludoteca (spazio organizzato al pianterreno di Palazzo Racchetti, sede della Biblioteca Civica “Farinone-Centa” di Varallo) gli attesi incontri di lettura del martedì pomeriggio.

Martedì 17 aprile ripartirà il Progetto Liberi di leggere, ideato da un gruppo di docenti, animati da una solida passione per il ruolo di educatori, consapevoli del grande valore educativo della lettura e della importanza di sviluppare una proficua collaborazione con la Biblioteca, considerata come una importante risorsa del nostro territorio, ricca di potenzialità ed in grado di offrire preziose opportunità di diffusione di cultura, di saperi, curiosità e abilità.

Liberi di leggere è organizzato in orario extrascolastico: il martedì, nella fascia oraria pomeridiana che va dalle ore 17alle ore 18.

Come un romanzo è un saggio scritto dallo scrittore francese Daniel Pennac sulla lettura, o meglio, su come trasmettere ai giovani d’oggi l’amore e la passione per i libri,

che contiene un “decalogo”, molto caro a chi ama i libri. Pennac parte dal presupposto che leggere è un diritto e come tale va sempre rispettato. Se i giovani non vogliono leggere lasciamoli liberi di farlo ma se, al contrario, vogliono leggere, lasciamoli liberi nella scelta di cosa, di quando e di come leggere.

Secondo Pennac, il libro deve essere introdotto nella formazione fin da piccoli: i genitori devono trovare il tempo di leggere le favole ai propri figli per trasformarli nei lettori di domani. Solo lasciandoli liberi accadrà ciò che forse non osavamo sperare: vedremo bambini ragazzi con un libro in mano, pronti a trasformarsi in adulti “riconciliati con i libri”.

Partendo dal concetto “Liberi di leggere” si accolgono i bambini e si conversa, per dar loro modo di esprimere richieste o desideri, lasciandoli liberi di guardarsi intorno, di sfogliare i libri esposti nella casetta della ludoteca, poi ci si riunisce e si ascoltano letture ad alta voce, sempre molto attese e coinvolgenti. Al termine un quarto d’ora di francese, lingua neolatina, che fino a qualche anno fa era molto conosciuta in Valsesia dove si emigrava oltralpe e molto simile al dialetto valsesiano: Ester Bassoli, che è stata insegnante di francese alle medie, oltre all’esperienza ha una grande passione e riesce a trasmettere i primi rudimenti anche a bambini molto piccoli, trasformando l’insegnamento in un gioco creativo.

L’incontro si conclude coinvolgendo i bambini in attività creative e ricreative: disegno, animazione con i burattini, filastrocche e giochi di parole.

Coloro che intendessero partecipare ai laboratori potranno presentarsi direttamente in Ludoteca il martedì pomeriggio, dopo la scuola, a partire dalle ore 16.30 e partecipare alle attività.

Parallelamente agli incontri con i bambini Patrizia Rizzolo, già Dirigente Scolastica, continuerà a dedicare un’ora al martedì mattina per la lettura con gli ospiti del Centro Diurno, riprendendo quegli incontri che erano nati proprio in Ludoteca una ventina di anni fa.

Dott.sa Piera Mazzone

 

 

 

 

 

 


 

Commenta

Back to top button
Close