Spazio ai lettori

Alagna: una bella escursione all’Ist. Angelo Mosso

Una delle interessanti escursioni guidate che potete fare in Valsesia durante il mese di agosto, è quella che viene proposta ogni lunedì mattina, prendendo gli impianti di Alagna Valsesia e facendosi  accompagnare all’Istituto Angelo Mosso, poco sotto l’arrivo della Funivia al Passo dei Salati.

Anche Eventi Valsesia ha voluto provare questa escursione e quindi oggi, lunedì 5 agosto, ci siamo recati ad Alagna.

Ad aspettarci presso la biglietteria degli impianti c’era la guida escursionistica ambientale Gabriele Milani, che una volta raggruppati tutti gli altri partecipanti, ci ha invitato a seguirlo in questa fantastica avventura.

La giornata purtroppo non era bellissima, dal punto di vista meteorologico, il Monte Rosa infatti non si è fatto vedere in tutta la sua interezza per via della fitta nuvolosità ma l’escursione vista la poca distanza dall’arrivo della funivia era comunque fattibile.

Alll’arrivo al Passo dei Salati, tre stambecchi erano chiaramente visibili, con grande gioia dei molti partecipanti che non ne avevano mai visti così da vicino! Gabriele, ha subito dato alcune interessanti informazioni dal punto di vista geologico, così come sui simpatici “abitanti” del luogo, gli stambecchi appunto, e del perchè si avvicinano così tanto agli impianti, ci ha inoltre ricordato che eravamo nel Parco dell’Alta Valsesia, il parco più alto d’Europa,  che occupa anche parte della Val Mastallone e della Val Sermenza.

Dopo queste informazioni, è cominciata la discesa verso l’Istituto Angelo Mosso, a 2901 mt di altitudine. Fortunatamente dopo la ricostruzione avvenuta nel 2000 a seguito di un incendio che aveva distrutto gran parte del fabbricato, è ancora oggi utilizzato per ricerche scientifiche ed ora anche come museo. All’arrivo, ci aspettava una visita guidata con Federico, giovane laureato, che rimane nell’Istituto durante il periodo stabilito per le visite ed anche in altri periodi di ricerca e formazione.

La visita è risultata veramente interessante, sia per le stanze museali dove si possono vedere le strumentazioni d’epoca che venivano utilizzate per la ricerca, sia per le nozioni che Federico ha elargito a tutti quanti, mostrando infine anche un piccolo esperimento di simulazione di una valanga nella “stanza della neve”, dove si è potuto appurare come le contromisure inventate dall’uomo possano essere efficaci nel malaugurato caso di distacco delle stesse. Federico ha inoltre illustrato la situazione attuale dei vari ghiacciai del Monte Rosa, confermando il drammatico scioglimento che è in atto.

Terminata la piacevole visita, Gabriele ci ha accompagnati con una breve escursione,  all’ormai chiuso rifugio Vigevano ed ai resti del rifugio Guglielmina, (purtroppo andato interamente distrutto da un incendio qualche anno fa) passando per il sentiero Geologico-Pedologico sull’altopiano di Cimalegna.

Lungo il percorso, Gabriele ha fatto notare altre curiosità riguardo al particolarissimo paesaggio ed ai bellissimi fiori di montagna, e dopo una breve sosta, visto purtroppo le condizioni meteo un pò avverse, ci siamo avviati per il rientro.

Non voglio aggiungere altro alle belle cose viste ed ascoltate dalle guide, perchè l’invito a tutti quanti, è quello di provare questa esperienza davvero interessante, adatta sia ai grandi che ai piccoli.

Se volete partecipare ad un’escursione accompagnata, che si tiene ogni lunedì nel mese di agosto, leggete questo articolo.

 

Voglio ricordare che in Valsesia c’è davvero tanto da vedere e da scoprire e con la presenza di una guida abilitata, si possono scoprire tante interessanti curiosità!

Guarda tutto

Commenta

Back to top button