Spazio ai lettori

Serravalle: in ricordo di Adelaide Ferla Maglione

Serravalle ha salutato un’altra delle “storiche” Maestre di quando alle Scuola Elementari c’era ancora la Maestra unica: a novant’anni si è spenta, dopo una lunga malattia, Adelaide Ferla, vedova Maglione.

Di origine biellese, nel 1961, dopo il matrimonio, si stabilì a Serravalle e insegnò prima a Vintebbio e poi nel capoluogo per moltissimi anni, lasciando nei suoi allievi, anche quelli più “antichi” come Luigi Minonzio, Gianni Ardizio, Roberto Viaro, un ricordo grato, che si è espresso anche in una numerosa presenza al funerale.

Adelaide nel 1997 era rimasta vedova e aveva dedicato tutto il suo affetto all’unica figlia Maria Teresa, biologa e insegnante, e ai nipoti Alessandro e Alberto, intessendo con il genero Floriano un’ottima intesa di spirito. “Pur essendo rimasta orfana a quindici anni e cresciuta dal nonno, è stata una grande mamma che ha saputo accompagnarmi nella vita. Oggi, guardando indietro, apprezzo la sua severità e il suo senso dell’onestà e dei valori: attraverso la Fede ha saputo sopportare ed accettare i dolori che la affiggevano. Sono felice di averla tenuta a casa,
accompagnandola serenamente fino all’ultimo respiro”: così Maria Teresa esprime quell’affetto filiale, che spesso si recupera in età più matura, dopo le intemperanze giovanili degli anni in cui tutto ciò che si frappone ai desideri, diventa qualcosa da combattere.

Oggi la figura della Maestra, e in molti casi purtroppo anche la considerazione di cui gode, sono molto cambiate. Alle Maestre di quella generazione non ci si sarebbe mai permessi il “tu”: non era un semplice fatto formale, ma il “lei”, e l’alzarsi in piedi salutando quando la Maestra entrava in aula, racchiudevano quell’affettuoso rispetto dovuto alle
persone adulte che ricoprivano un ruolo formativo tanto importante e delicato. Certo Adelaide ha saputo trasmettere ai suoi “bambini” oltre alle nozioni, il senso civico e il rispetto delle regole per una civile convivenza.

Piera Mazzone

Guarda tutto

Lascia il tuo commento

Back to top button