Valsesia

Raccolta funghi Valsesia 2018

In previsione del periodo più ottimale per la raccolta dei funghi, in questo articolo troverai, le informazioni utili per essere in regola con le norme vigenti.
In Piemonte ed anche in Valsesia, il costo del permesso per la raccolta funghi è rimasto invariato rispetto all’anno 2017 quindi:
€ 5,00 giornaliero
€ 10,00 settimanale
€ 30 annuale
€ 20,00 annuale per i residenti nei Comuni dell’Unione Montanta dei Comuni della Valsesia e valevole solo nei Comuni dell’Unione Montana Valsesia
€ 60,00 biennale
€ 90,00 triennale
Il permesso ha validità su tutto il territorio regionale.
La quota giornaliera permessa è di 3 kg per le specie pregiate come i Boleti, mentre per tutte le altre specie minori non vi è limite di peso e nemmeno l’obbligo di pagamento del bollettino.
I bollettini, sono ritirabili presso le ex Comunità Montane-Consorzi di Comuni o Unioni Montane, presso i Comuni, presso gli uffici postali o presso altri enti quali gli Uffici di Polizia Municipale.
Per quanto concerne la Valsesia, i bollettini dovranno essere intestati come segue:
– CC postale n.12343133 intestato a: Unione Montana dei Comuni della Valsesia, corso Roma 35 – 13019 Varallo (VC)
e’ possibile effettuare il pagamento anche mediante
– Bonifico bancario intestato a: Unione Montana dei Comuni della Valsesia, corso Roma, n. 35 – 13019 Varallo (VC) – Tesoreria Biverbanca – Ag. di Varallo  IBAN IT86I0609022308000000994894 indicando le proprie generalità, il luogo di residenza, la casuale (raccolta funghi per / il giorno oppure settimana dal .. al.. oppure per l’anno…)

La ricevuta di versamento, accompagnata da un documento di identità valido, sostituisce il tesserino ed ha validità su tutto il territorio regionale.

Per maggiori informazioni e/o per il ritiro dei bollettini prestampati, puoi rivolgerti all’Unione Montana dei Comuni della Valsesia, oppure chiama il n. di tel. 0163.51555 .

pieghevole raccolta funghi Unione Montana Valsesia 2018

E’ comunque sempre bene ricordare le regole base,  per una raccolta consapevole e che non arrechi danni, al delicato ecosistema del bosco.
Ricordati quindi di:
– non raccogliere ovuli ancora chiusi e questo non solo per evitare di impedire la formazione di nuove spore, ma anche di raccogliere erroneamente un fungo velenoso
– non utilizzare rastrelli o attrezzi simili per raccoglierli
– trasportare i funghi raccolti in contenitori rigidi meglio se ceste di vimini, che permettano l’areazione
– non danneggiare i funghi che non verranno raccolti
E’ VIETATA LA RACCOLTA:
– nei giardini, parchi privati ed edifici
– nei castagneti coltivati e puliti
– nei parchi ed aree protette, salvo diversa indicazione dell’ ente Parco
-nelle aree interdette dalle Regioni, o enti locali che dovranno essere opportunamente segnalate sul posto
– dal tramonto all’alba

Se desideri avere altre informazioni utili, su tutto quello che riguarda i funghi ed anche sulla regolamentazione della raccolta in tutta Italia, ti consiglio di visitare il sito FUNGHIMAGAZINE.IT del blogger Angelo Giovinazzo, dove troverai esaurienti risposte ad ogni tua domanda e tante curiosità!
Tags

Commenta

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker